FESTA DI NATALE PER I SOCI DI MARGINALIA

DOMENICA 17 DICEMBRE ALLE ORE 16:00

L’Associazione Culturale Marginalia ha il piacere di invitare tutti i Soci e chi volesse diventarlo in quella occasione, alla festa di Natale GRATUITA.

Ritrovo ore 15:45

in via Matelli a Firenze davanti alla Chiesa di San Giovannino agli Scolopi.

BUFFET

offerto a tutti dalle ore 17:00 in poi presso KONNUBIO in dei Conti 8/r a pochi passi dalla chiesa.

ecco il link del locale https://www.konnubio.com/it/contatti/

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE

SCRIVENDO UN WHATSAPP AL 366 4475991 

OPPURE UNA MAIL A: visiteguidate@associazionemarginalia.org 

SEGUICI SUL NOSTRO SITO E SUI SOCIAL:

https://www.associazionemarginalia.org/

Facebook: https://www.facebook.com/associazioneculturalemarginalia/

Instagram: https://www.instagram.com/marginalia_ass.culturale/

Cari soci,

è ufficiale, LA CHIESA DI SAN GIOVANNINO DEGLI SCOLOPI in via Matelli a Firenze (si trova a fianco di Palazzo Medici Riccardi) sarà aperta straordinariamente per noi

il giorno 17 dicembre alle ore 16:00

per la nostra festa di Natale 2023

La chiesa è sempre chiusa, aperta solo per le funzioni di primo mattino due giorni a settimana e la sera per la celebrazione della messa.

Quindi è stato per noi un onore aver avuto questa opportunità da parte dei religiosi che se ne occupano.

La chiesa è molto bella  completamente restaurata nel 2021.

Fu progettata dal grande Bartolomeo Ammannati, artista  e architetto di fiducia di Cosimo I de Medici.

Qui inoltre riposa Laura Battiferri, la grande poetessa che negli anni del Ducato di Toscana di Cosimo I e Eleonora di Toledo, ebbe con la stessa un ottimo rapporto di stima e fiducia dedicandole addirittura un’opera.

Per i 500 anni dalla morte di Laura Battiferri, che con molti di voi abbiamo conosciuto, quale personaggio apprezzato alla corte della Duchessa, alla mostra a lei dedicata alcuni mesi fa, sarà un piacere ripercorrere la sua storia e quella del marito Bartolomeo Ammannati che qui riposa insieme a lei.

Dopo la visita guidata a cui potrete assistere comodamente seduti, durante la quale parleremo anche di molte altre opere, ci avvieremo più tardi verso KONNUBIO, un bel locale in via del Corso che ci attenderà per un buffet a voi dedicato, qui faremo un brindisi augurale di un Sereno e Felice Natale per tutti.

Grazie di cuore a chi di voi sarà presente e vorrà contribuire con la propria presenza a questa festa magari rinnovando la tessera per il 2024.

Per tutti colori che volessero partecipare e sottoscrivere la tessera alla nostra Associazione in quella occasione saranno i benvenuti.

Un abbraccio da tutti noi in attesa della vostra conferma per la serata.

Marginalia

Cena sociale con Marginalia, con l’olio nuovo, cavolo nero vino e specialità toscane.

DOMENICA 26 NOVEMBRE 2023 DALLE ORE 19:00 – TUTTO ESAURITO

NUOVA DATA DA STABILIRE

A CARMIGNANO PRESSO L’AZIENDA AGRICOLA LE FURRE.

Una serata in un ambiente bello, caldo ed accogliente tipico delle nostre zone collinari.

Per stare insieme, per rivalutare i valori della tavola antica, con ricette tipiche toscane del Montalbano, con ottimo olio nuovo dell’azienda agricola LE FURRE https://www.lefurre.it/ e ottimo vino Chianti Montalbano DOCG.

Saranno serviti abbondanti ed ottimi piatti antichi, della cucina toscana:

LEGGI IL MENU’

La cena sarà servita. La tavola sarà allestita con piatti di ceramica e bicchieri di vetro in un’atmosfera natalizia di grande magia. Musica, racconti e leggende per allietare la serata.

Al calduccio di una sera novembrina riscopriremo i valori antichi e lo stare insieme.

Costo della cena € 32,00 a persona.

PRENOTAZIONI: ENTRO E NON OLTRE IL 23 NOVEMBRE

INVIANDO UN WHATSAPP AL 366 4475991 

OPPURE UNA MAIL A visiteguidate@associazionemarginalia.org 

SEGUICI ANCHE SUI NOSTRI CANALI SOCIAL e metti un like alle nostre pagine se ti va.

Facebook: https://www.facebook.com/associazioneculturalemarginalia/

Instagram: https://www.instagram.com/marginalia_ass.culturale/

E COLLEGATI AL NOSTRO SITO PER AVRE SEMPRE TUTTE LE INFORMAZIONI DETTAGLIATE SULLE NOSTRE ATTIVITA’ :

https://www.associazionemarginalia.org/

Vi aspettiamo per condividere armonia e bellezza.

Tante sorprese per voi.

Un po’ di storia

La cucina toscana è costituita, principalmente, di piatti e dolci tradizionali che mantengono inalterata la loro preparazione da molti anni.

Il pane senza sale è un’usanza che poche altre regioni hanno adottato (come l’Umbria). Pare che l’usanza risalga al XII secolo quando, al culmine della rivalità fra Pisa e Firenze, i pisani misero in pratica prezzi elevatissimi al prezioso cloruro di sodio. Esiste poi anche un’ipotesi che dice fossero gli stessi signori di Firenze ad imporre tasse particolarmente esose per l’uso del sale.

In Toscana la necessità

di utilizzare il pane anche quando è raffermo ha prodotto una lunga serie di antiche ricette ancora molto diffuse: la panzanellapanzanella, la panata, la ribollita, l’acquacotta, la pappa al pomodoro, la fettunta, la zuppa di verdura, la farinata la minestra di cavolo nero o il Pan co’ santi.


Altra caratteristica della cucina toscana per eccellenza è l’uso di carni bianche e di selvaggina. I prodotti dell’aia del podere, dove pascolano liberamente polli, tacchini, oche, faraone e piccioni insieme con i conigli e la selvaggina come la lepre e il cinghiale, il fagiano e l’istrice costituiscono da sempre il menu delle grandi feste. Molto usato il maiale: si consideri il salame toscano, la finocchiona, il prosciutto conservato sotto sale, il lardo di Colonnata le salsicce e prodotti particolari come il buristo.

Tra i formaggi prevale il pecorino toscano, come prodotto da conservare: i più famosi quello di Pienza e quello maremmano; mentre troviamo il raveggiolo tra i formaggi molli.

Fra i dolci spiccano il panforte, i ricciarelli, i cavallucci, la zuppa del duca, il berlingozzo, la torta di cecco, i migliacci, i cantuccini di Prato.

Nell’ottobre 2008, per promuovere la tradizione toscana, la Regione ha pubblicato la piramide alimentare toscana

A CARMIGNANO, UN POMERIGGIO FRA ARTE, SAPORI E COLORI D’AUTUNNO IL TUTTO ACCOMPAGNATO DA BUON CIBO.

SABATO 18 NOVEMBRE DALLE ORE 16:30

L’Associazione Culturale Marginalia, organizza PER DOMENICA 15 OTTOBRE dalle ore 16:30

UN POMERIGGIO FRA ARTE, STORIA, NATURA e un OTTIMO APERICENA a base di olio nuovo dell’AZIENDA AGRICOLA LE FURRE, buon vino e RICETE ANTICHE.

Assaggeremo alcune pietanze con aceto antico fatto con mosto cotto di uva acerba, spezie e miele.

A CARMIGNANO SABATO 21 OTTOBRE 2023 DALLE ORE 16:30

PROGRAMMA

RITROVO ORE 16:30 PUNTUALI in piazza Piazza Matteotti 1 a Carmignano

VISITEREMO IL MUSEO DEL VINO E DELLA VITE

QUINDI RACCONTEREMO LA STORIA DI UNO DEI DIPINTI PIU’ STRUGGENTI DI PONTORMO, “LA VISITAZIONE” CUSTODITA ALL’INTERNO DELLA CHIESA DI SAN MICHELE.

DOPO CI DIRIGEREMO ALL’AZIENDA AGRICOLA “LE FURRE” PER UN APERICENA DA FAVOLA.

(SONO POCHI METRI A PIEDI)

PREZZO € 25,00 A PERSONA TUTTO COMPRESO :

apertura straordinaria e visita guidata al museo del vino, Racconto sulla Vistazione del Pontormo, apericeana all’azienda agrigola LE FURRE.

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE: ENTRO il 15 NOVEMBRE

SCRIVENDO UN WHATSAPP AL 3664475992 OPPURE UNA MAIL A visiteguidate@associazionemarginalia.org 

Vi aspettiamo per condividere un pomeriggio DI PRIMO AUTUNNO bellissimo!

Se il tempo ci assiste apparecchieremo nell’aia, altrimenti all’interno, senza problemi.

UN PO’ DI STORIA

Nel 998, con un proprio diploma, l’imperatore Ottone III conferma al vescovo di Pistoia le sue proprietà: tra le altre anche la Pieve Artimino, oggi dedicata a San Leonardo e Maria e dirimpettaia all’altra magnificenza architettonica del piccolo Borgo, la Villa Medicea La Ferdinanda, gioiello del nostro Rinascimento.
Il fatto che ad Artimino ci sia una chiesa battesimale è un’indiscutibile e certa testimonianza di una presenza demica di non poco conto.
I numerosi studi compiuti in queste terre nell’ultimo quarantennio e tuttora in corso hanno dimostrato come la frequentazione di queste terre sia molto più antica e da ricercarsi indietro nel tempo.

Il Museo del Vino e della Vite di Carmignano

Un piccolo museo dove il protagonista è il vino e dove il vino diventa poi un pretesto per raccontare delle genti che abitano ed hanno abitato a Carmignano, della loro storia e cultura, della mezzadria e di una civiltà contadina oramai scomparsa.

Nella sale ci sono antichi attrezzi agricoli, ma anche tante informazioni frutto di ricerche di archivio. Carmignano è del resto terra di antiche tradizioni vinicole. Grazie ad un bando granducale del 1716 di Cosimo III De Medici, è tra la Doc ante litteram più antiche d’Europa.

Sulle pareti si susseguono le citazioni che di questo vino hanno fatto nei secoli letterati illustri e meno illustri, pittori e poeti. Non mancano le curiosità – esposta c’è la collezione Melis, ottocento bottiglie da tutto il mondo, vecchie anche un secolo – e allo studio ci sono postazioni multimediali dove iniziare un altro viaggio, stavolta virtuale.

La Visitazione di Pontormo

La bella Pala d’altare all’interno della chiesa di San Michele

La Visitazione di Pontormo è un episodio del Vangelo che narra la visita di Maria alla cugina Elisabetta. La visita avvenne in seguito all’Annunciazione della sua maternità da parte dell’Arcangelo Gabriele. Il messaggero divino la informò infatti anche della maternità avanzata di Elisabetta, avanti negli anni e sterile. Maria partì quindi da Nazaret per la Giudea per raggiungere la cugina e il marito, il sacerdote del tempio di Gerusalemme, Zaccaria. Al suo arrivo l’anziana parente comprese immediatamente che Maria era già in attesa di Gesù. La giovane abitò presso Elisabetta tre mesi fino alla nascita di Giovanni, il futuro Battista.

Passeggiata d’arte al Giardino di Boboli

PASSEGGIATA ESEGUITA  1 OTTOBRE 2023  

NUOVA DATA DA STABILIRE

Percorso guidato a cura di Marco Villani di Marginalia.

Tutti i partecipanti saranno muniti di auricolari per migliore ascolto.

Ritrovo davanti all’ingresso della Biglietteria di Palazzo Pitti ore 16,00

Ingresso ore 16,20 ca

 

ESSENDO INGRESSO LIBERO PER LA  PRIMA DOMENICA DEL MESE

La Quota di partecipazione  sarà SOLO € 11,00 a persona per il servizio guida e le radio

Forniremo le radio con auricolari per migliore ascolto: Chi avesse i propri auricolari del telefono con spinotto tondo è pregato gentilmente di portarli, per aiutarci ad un minor spreco di plastica, dovendo gettare via ogni volta dopo l’uso gli auricolari usa e getta.

Bambini fino ai 10 anni gratuito

 

In una bella giornata di primo autunno, parleremo di questo splendido giardino e dei personaggi che vi hanno passeggiato nei secoli.

Dai Medici ai Lorena, ai Savoia.

Un percorso incantevole pieno di aneddoti e storia un’occasione unica da non perdere.

Foto Silvano Cinelli©

Alcune immagini ddi una delle precedenti visite

  

  

  

Per iscrizioni e ulteriori informazioni:

visiteguidate@associazionemarginalia.org

Cell e Whatsapp  366 4475991

 

 

Il Giardino di Boboli

Continua la lettura

ASSEDIO ALLA VILLA 15 – 16 – 17 SETTEMBRE 2023

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO all’edizione 2023 CI AUGURIAMO DI INCONTRARVI ANCORA

Grazie da MARGINALIA Associazione Culturale e I NUOVI Associazione Culturale

VISITE GUIDATE TEATRALIZZATE GRATUITE

ALL’INTERNO DELLA VILLA MEDICEA di Poggio a Caiano

Condotte dall’ Associazione Culturale Marginalia e gli attori dell’Associazione dei Nuovi di Firenze.

Il percorso guidato condurrà i visitatori alla scoperta del periodo storico in cui vissero i protagonisti dell’Assedio alla Villa.

Si parlerà del potere rappresentato dalle Ville e dai giardini, le feste e le occasioni speciali, la politica e altro ancora, conducendo, chi parteciperà, in una sorta di viaggio nel tempo attraverso il racconto di vari secoli.

GIORNI ED ORARI:

VENERDI 15: ore: 19:00  –  20:30.

SABATO 16: ore: 18:00 – 19:30  –  21:00

DOMENICA 17 ore: 18:00 – 19:30  –  21:00

PRENOTAZIONI CON LE SEGUENTI MODALITA’:

TELEFONARE all’ufficio turistico di Poggio a Caiano Tel. 055 879 8779 dalle ore 10.00 alle ore 12.00

Oppure inviando una mail all’indirizzo: info@prolocopoggioacaiano.it

TUTTI I VISITATORI DOVRANNO ESSERE MUNITI DEI PROPRI AURICOLARI DEL TELEFONO CON SPINOTTO TONDO.

LEGGI TUTTO IL PROGRAMMA DEI TRE GIORNI DI FESTA SU QUESTI LINK: 👇

https://www.assedioallavilla.com/ – https://www.tempoliberotoscana.it/event/lassedio-alla-villa-a-poggio-a-caiano/

BIGLIETTO INGRESSO ALLA FESTA € 7,00 A PERSONA – BAMBINI FINO A 12 ANNI GRATUITO – ABBONAMENTO PER I TRE GIORNI 10,00 EURO A PERSONA

Assedio alla Villa

La grande festa attorno alla Villa Medicea di Poggio a Caiano

Ogni anno a settembre si accendono i festeggiamenti dell’Assedio alla Villa. Un programma ricco di musica, spettacoli itineranti, enogastronomia, visite guidate e laboratori artistici porta in viaggio il visitatore attraverso 5 secoli di storia.

Non mancano, infatti, rievocazioni storiche che riportano in vita i personaggi della famiglia Medici mentre sbandieratori, dame e cavalieri, artisti di strada e artigiani animano le strade del paese. Se il cibo rimanda alla tradizione, lo sguardo volge al presente con proiezioni in 3D che danno nuove forme e colori alla facciata della Villa, patrimonio Unesco.

L’Assedio alla Villa nasce da un preciso evento: nel 1565 l’Arciduchessa Giovanna d’Astria, figlia dell’imperatore Ferdinando I, arrivò alla villa di Poggio a Caiano, per presentarsi alla nobiltà italiana ed europea, prima di spostarsi a Firenze e sposare Francesco I de’ Medici. Per l’occasione fu accolta dal popolo in modo così festoso da sembrare un assedio, al quale la famiglia Medici rispose facendo sgorgare vino in abbondanza da un mascherone come ringraziamento per il caloroso benvenuto.

Ancora oggi, durante l’Assedio alla Villa, dal mascherone simbolo della festa, zampilla del buon vino per essere assaggiato da tutti i visitatori.

ECCO ALCUNI FEEDBACK DEI PARTECIPANTI ALL’EVENTO DEL 2023 SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK. GRAZIE DI CUORE A TUTTE LE TANTISSIME PERSONE CHE HANNO PARTECIPATO.

CI AUGURIAMO DI INCONTRARVI TUTTI E ANCORA DI PIU’ IL PROSSIMO ANNO!

LA LUNA PIENA DEL RACCOLTO, serata d’ascolto di fine settembre

EVENTO RIMANDATO A DATA DA STABILIRE A CAUSA DELLA FESTA DEGLI ARCANGELI A CARMIGNANO , POICHE’ OCCUPERANNO ANCHE A SEANO TUTTI GLI SPAZI VICINO AL PARCO PER IL SERVIZIO NAVETTA.

A Cura dell’Associazione Culturale Marginalia e Alessandra Lastrucci, Moncard Reader.

LA SERATA D’ASCOLTO si svolgerà nel Parco Museo Quinto Martini a Seano, il tema che tratteremo sarà:

“LA LUNA PIENA DEL RACCOLTO”.

Alessandra Lastrucci, esperta in riti benefici, grazie all’influenza della luna, ci racconterà, attraverso un’appassionata lettura delle carte della luna, i significati antichi e moderni di alcuni dei più suggestivi riti del benessere da eseguire con la luna piena.

Vania Fanciullacci, vi racconterà il Parco Museo Quinto Martini e alcune delle opere in esso custodite e il loro aspetto sotto la luna, la luna e l’arte.

Il Professore Davide Casarosa vi darà una lettura affascinante della luna da un punto di vista scientifico.

A tutti sarà offerto il dolce della Luna

UNA SERATA DI FINE ESTATE DA NON PERDERE, vi aspettiamo per condividere insieme armonia, benessere leggende storia e scienza.

Ecco come si arriva al Parco Quinto Martini:

Alle ore 21:00 vi aspettiamo presso l’ingresso del Parco Quinto Martini a Seano (PO)

Arrivando a Seano si prende via Baccheretana dalla rotonda del Tennis Le Colline Medicee.

Da qui si va sempre a dritto e dopo pochi metri sulla destra c’è la Pasticceria “Le Dive Cattive”, davanti c’è un distributore di benzina. Vedi Foto 👇

A questo punto si va avanti pochi metri e quando troverete la CARTOLERIA “VECCHIO MULINO” in via Baccheretana, 201 ANDARE A DRITTO (VEDI FOTO) 👇

Si prosegue, ca 400 mt e ci si trova nella piazzetta di SEANO (VEDI FOTO) 👇

qui in piazza c’è un piccolo parcheggio

Oppure andare avanti e prendere via Giorgio de Chirico per arrivare alla COOP di Seano, qui c’è un grande parcheggio libero. Tornare indietro alla piazza dove saremo ad attendervi sono 4 minuti a piedi

NOI VI ASPETTEREMO IN PIAZZA DOVE C’E’ IL RISTORANTE IL PRUGNOLO (VEDI FOTO) 👇

DOVE C’E’ QUEL CASEGGIATO GRANDE BIANCO SULLA SINISTRA (noi saremo li davanti in piazza)

La quota di partecipazione è di € 11,00 ( undici euro) a persona, comprese radio con auricolari per miglior ascolto della serata.

Vi parleremo nell’orecchio per rispettare il silenzio intorno e apprezzare ancora di più il racconto e la musica di sottofondo.

COSA PORTARE:

UNA COPERTINA PER DISTENDERSI SUL PRATO, OPPURE UNA SEGGIOLINA DA CAMPEGGIO, O UNO STOINO DA MARE.

SE LI AVETE PORTATE I VOSTRI AURICOLARI DEL TELEFONO, QUELLI CON LO SPINOTTO TONDO

ci aiuterete a sprecare meno plastica.

PRENOTAZIONI APERTE

INVIANDO UNA MAIL A: visiteguidate@associazionemarginalia.org 

OPPURE UN WHATSAPP AL NUMERO: 366 4475991 

NAVIGHIAMO IN ARNO PER RACCONTARE FIRENZE DALL’ACQUA

29 SETTEMBRE FINE DEI NOSTRI bellissimi percorsi per questo 2023

arrivederci a tutti al prossimo anno

Su richiesta e per per gruppi precostituiti, eseguiremo il percorso a qualunque ora

Faremo un bellissimo percorso sull’Arno

GRUPPI MINIMO 6 PERSONE, MASSIMO 15 PERSONE PER BARCA.

Durante la navigazione racconteremo la storia di Firenze dall’acqua in un’atmosfera da sogno.

La visita NAVIGHIAMO SULL’ ARNO sarà interamente guidata da una nostra guida autorizzata.

La navigazione avrà una durata di un’ora 

RITROVO  in P.za Mentana Lungarno G. Diaz vicino Ponte alle Grazie 15 minuti prima dell’imbarco

€ 29,00 a persona TUTTO COMPRESO Bambini fino a sei anni gratuito dai 7 anni fino a 12 anni 10,00 euro

Tutti i partecipanti ALLA SERATA NAVIGHIAMO SULL’ ARNO saranno muniti di sistema radio con auricolari per miglior ascolto della guida che spiegherà il percorso.

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE

INVIANDO UN WHATSAPP AL 366 4475991 

OPPURE UA MAIL A: visiteguidate@associazionemarginalia.org 

Si consigliano scarpe e abbigliamento comodo

L’importanza dell’Arno nella storia

L’Arno nasce sul Monte Falterona, nell’Appennino Tosco-Emiliano. Percorre la Toscana da sud-est a nord-ovest: attraversa il Casentino, il Valdarno superiore, Firenze, il Valdarno inferiore, Pisa e, dopo aver percorso 241 chilometri, sfocia nel Mar Tirreno. Per secoli è stata un’importante via di comunicazione.

Nel Medioevo, l’Arno era usato per il trasporto di legname dei boschi del Casentino, vicino alla sorgente, fino a Firenze, dove era usato nelle costruzioni. Si utilizzavano i “navicelli”, imbarcazioni dal fondo piatto adatte per affrontare le secche estive causate dal regime torrentizio del fiume. Storicamente l’economia di Firenze e della Toscana deve molto all’Arno: i renaioli ne ricavavano la sabbia; i tessitori fiorentini ricorrevano alle sue acque per varie lavorazioni (per esempio il lavaggio della lana). Il fiume si rivelò poi utilissimo per i trasporti fluviali da Empoli a Pisa e da li verso il porto di Livorno.

Oggi i Fiorentini e i visitatori possono navigare sotto i ponti dell’Arno grazie al restauro dei barchetti che i renaioli usavano per estrarre la rena dal fondo del fiume.

SERVISIO FOTOGRAFICO di Silvano Cinelli©

MUSEO OPIFICIO DELLE PIETRE DURE, visita guidata in notturna con Marginalia Associazione Culturale

NUOVE DATE DA STABILIRE

RITROVO ore 20,50 davanti all’ingresso del Museo in via degli Alfani, 78 RICHIESTA MASSIMA PUNTUALITA’

QUOTA DI PARTECIPAZIONE:

COMPRESO BIGLIETTO INGRESSO, SERVIZIO GUIDA E NOLEGGIO RADIO € 16,00 a persona

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE

POCHI POSTI DISPONIBILI

INVIANDO UN WHATSAPP AL 366 4475991 

OPPURE INVIANDO UNA MAIL A: visiteguidate@associazionemarginalia.org 

SEGUITECI SUI NOSTRI SOCIAL E SUL SITO PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SUI NOSTRI EVENTI

https://www.associazionemarginalia.org/

Facebook: https://www.facebook.com/associazioneculturalemarginalia/

Instagram: https://www.instagram.com/marginalia_ass.culturale/

UN PO’ DI STORIA

Il Museo dell’Opificio delle Pietre Dure è diretta filiazione della manifattura artistica per la lavorazione delle pietre dure, che fu ufficialmente fondata nel 1588 da Ferdinando I de’ Medici.

La fisionomia del Museo è riflesso della vita e delle vicende della secolare attività produttiva.

Le creazioni più prestigiose, oggetto sovente di dono da parte dei granduchi fiorentini, sono conservate nelle regge e nei musei di tutta Europa, mentre nei laboratori di produzione erano rimaste opere incompiute, o recuperate da modifiche e smontaggi successivi, e quanto era sopravvissuto alle dispersioni ottocentesche, che ebbero termine nel 1882 con la musealizzazione della raccolta.

Questa, che comprende esemplari di grande suggestione e raffinatezza, è comunque sufficiente a delineare un percorso storico della manifattura che si snoda attraverso tre secoli. Resta inoltre una importante riserva di marmi antichi e di pietre dure in gran parte accumulate in epoca granducale per incentivare l’attività della manifattura.

Il Museo è stato ristrutturato, su progetto di Adolfo Natalini, nel 1995 e si articola in 10 sale espositive.

GALLERIA DELL’ ACCADEMIA, un percorso serale con Marginalia

MARTEDI 25 LUGLIO ORE 20:30

RITROVO ORE 20:20 davanti al Museo

DURATA DEL PERCORSO: Un’ora e venti minuti

QUOTA DI PARTECIPAZIONE € 25,00 a persona

la quota comprende:

BIGLIETTO INGRESSO INTERO € 14,00 – Servizio guida – noleggio radio con auricolari

BIGLIETTI RIDOTTI E GRATUITA’

RIDOTTO € 2,00 per i ragazzi da 19 a 25 anni non compiuti

GRATUITO per ragazzi fino a 18 anni non compiuti

AVVISO: Si informano i gentili visitatori che il biglietto di ingresso al Museo costerà 1,00 Euro in più per i biglietti acquistati dal 15 giugno al 15 settembre 2023, secondo disposizioni del Ministero dei beni culturali per aiutare le popolazioni dell’Emilia Romagna in difficoltà a causa della violenta alluvione. (quindi 14,00 euro invece di 13,00 euro)

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE

INVIANDO UN WHATSAPP AL 366 4475991 

OPPURE INVIANDO UNA MAIL A: visiteguidate@associazionemarginalia.org 

SEGUITECI SUI NOSTRI SOCIAL E SUL SITO PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI SUI NOSTRI EVENTI

https://www.associazionemarginalia.org/

Facebook: https://www.facebook.com/associazioneculturalemarginalia/

Instagram: https://www.instagram.com/marginalia_ass.culturale/

La Galleria fu istituita nel 1784, quando il Granduca di Toscana Pietro Leopoldo riorganizzò l’Accademia delle Arti del Disegno, fondata nel 1563 da Cosimo I de’Medici, nella moderna Accademia di Belle Arti. Il museo si arricchì con le soppressioni delle chiese e dei conventi ordinate da Pietro Leopoldo nel 1786 e da Napoleone Bonaparte nel 1810. L’evento decisivo per la storia del museo fu il trasferimento del David di Michelangelo da Piazza della Signoria nell’agosto 1873. La scultura più celebre del mondo attese nove anni, custodita in una cassa di legno, la conclusione della costruzione della Tribuna progettata dall’architetto Emilio De Fabris per accoglierla. L’odierna Galleria dell’Accademia fu istituita nel 1882.

La fama planetaria goduta dalla Galleria dell’Accademia e la costante affluenza di pubblico si devono all’impareggiabile nucleo di sculture michelangiolesche riunite qui in periodi diversi, per costituire una specie di mausoleo dedicato al mito eterno del grandissimo pittore, scultore e architetto.
La Galleria dei Prigioni ospita per l’appunto i quattro Prigioni concepiti per la tomba di Papa Giulio II.
L’altra scultura raffigurante l’evangelista Matteo pervenne alla Galleria dall’Opera del Duomo nel 1834 mentre la discussa Pietà da Palestrina conclude la serie di sculture: un percorso solenne che introduce alla vera e propria apoteosi della Tribuna, dominata dal David.

Museo Archeologico di Firenze, una notte al Museo

Sei in città e vuoi regalarti una serata al museo nelle ore fresche e distensive della sera?

Allora vieni con noi:

Nuova data da Stabilire

VISITA AL MUSEO ARCHEOLOGICO DI FIRENZE

La Visita sarà condotta dalla nostra collega l’archeologa ELENA DIACCIATI

RITROVO ORE 20:30 davanti all’ingresso del Museo in Piazza Santissima Annunziata

QUOTA DI PARTECIPAZIONE € 21,00 a persona

(la quota comprende il biglietto d’ingresso al Museo le radio per migliore ascolto, la visita guidata)

PER GLI AURICOLARI chiediamo gentilmente di portare i propri. Quelli del telefono con spinotto tondo. Sarebbe un gesto di solidarietà con il nostro pianeta per minor inquinamento. (ogni volta dopo l’uso dobbiamo gettare decine e decine di auricolari in plastica)

AVVISO: Si informano i gentili visitatori che il biglietto di ingresso al Museo costerà 1,00 Euro in più per i biglietti acquistati dal 15 giugno al 15 settembre 2023, secondo disposizioni del Ministero dei beni culturali per aiutare le popolazioni dell’Emilia Romagna in difficoltà a causa della violenta alluvione.

  • Biglietto intero:     9,00 euro + 1,00 = 10.00 EURO
  • RIMANGONO INVARIATE LE TARIFFE DEI BIGLIETTI RIDOTTI E GRATUITI per gli aventi diritto

Il Percorso proposto durerà un’ora e trenta minuti, adatto a tutti nessuna difficoltà.

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE

SCRIVENDO O CHIAMANDO

WHATSAPP 366 4475991 

visiteguidate@associazionemarginalia.org 

L’Associazione Culturale Marginalia vi invita a ammirare le meraviglie del Museo Archeologico di Firenze. 

Firenze è una città ricchissima di arte e cultura, si sa. Spesso tuttavia, attratti dai musei più famosi, se ne trascurano altri che, pur non conservando la Venere di Botticelli o il David di Michelangelo, custodiscono veri e propri tesori. Uno di questi è il Museo Archeologico Nazionale di Firenze. 

Il museo è ospitato nel seicentesco palazzo della Crocetta dove abitò Maria Maddalena de’ Medici. Sfortunata sorella di Cosimo II de’ Medici. Qui, nonostante le sue disabilità fisiche, poté condurre una vita degna del suo rango. Grazie ad un passaggio aereo che le permetteva di raggiungere la vicina basilica della SS. Annunziata. 

Il palazzo, divenuto museo alla fine dell’Ottocento, custodisce un patrimonio ricchissimo di opere d’arte.

Per questo primo percorso vi proponiamo di visitare insieme a noi di Marginalia la sezione etrusca e quella greco-romana.

Ne fanno parte capolavori famosissimi quali la Chimera di Arezzo. Straordinario bronzo etrusco databile intorno al 400 a. C. Subito dopo il suo rinvenimento ad Arezzo, Cosimo I de’ Medici la fece collocare nella sala di Leone X a Palazzo Vecchio. Questo per simboleggiare tutte le belve, ossia i nemici, che egli aveva affrontato e sconfitto. Il museo ospita anche altri celebri bronzi, quali la Minerva di Arezzo. L’Idolino di Pesaro e la testa di cavallo che i Medici impiegarono come bocca di fontana nel giardino del loro palazzo in via Larga. Altro capolavoro del museo è poi il cratere François. Un enorme vaso di produzione attica a figure nere realizzato intorno al 565 a. C. le numerosissime figure mitologiche che ne decorano tutta la superficie gli hanno valso addirittura il soprannome di Bibbia dell’archeologia! Tra vasi, sarcofagi, urne e bronzi, parleremo della civiltà etrusca, il cui mistero continua ad affascinarci non meno delle meravigliose creazioni greco-romane.

ALCUNE IMMAGINI DEL MUSEO ARCHEOLOGICO

Il cavallo Medici al Museo Archeologico
particolare del vaso Francois
bronzo etrusco, ” Il caprone”
La Chimera