IL PROFUMATO GIARDINO DEGLI UFFIZI

Molti di voi avranno già sicuramente visitato le Gallerie degli Uffizi, alcuni magari anche più di una volta, tuttavia per la grande quantità di materiale presente, ogni volta, nei nostri percorsi mancherà qualcosa. Parliamo di quei particolari su cui sarebbe giusto soffermarsi degnamente e con l’attenzione che meritano.

Abbiamo intitolato questo nuovo percorso “IL PROFUMATO GIARDINO DEGLI UFFIZI” perché in questa occasione, anche per chi, ripetiamo avesse già visitato il museo, proponiamo un’incantevole passeggiata tra le più belle fioriture dei nostri prati e colline una vera esplosione primaverile e di rinascita, che ammireremo nei dipinti di grandi maestri.

Arricchiremo il percorso con essenze da far assaggiare ai presenti che ci richiameranno ai fiori di cui parleremo.

Il percorso sarà condotto in modo da introdurvi sia al tema del giardino e dei profumi e delle opere da un punto di vista storico ma anche botanico.

Vi aspettiamo per passeggiare in uno dei giardini più belli del mondo La Galleria degli Uffizi

Data da definire

Per prenotazioni e ulteriori informazioni scrivere o chiamare:

366 4475991 – 329 3075760
visiteguidate@associazionemarginalia.org 

iniziative@associazionemarginalia.org

Un po’ di storia

Nell’arte medioevale i simboli e i miti della tradizione pagana sono ripresi e trasformati in immagini sacre. I monasteri divengono i depositari della cultura antica, l’amanuense e il miniatore danno vita a manufatti preziosi, e per esprimere concetti, simboli religiosi, utilizzano immagini del mondo vegetale. Autentici capolavori sono i Libri d’Ore. I monaci, inoltre, trascrivono e illustrano, gli erbari del passato e più recenti, contenenti notizie sulle proprietà curative delle piante. “I fiori nel Medievo comunicavano messaggi che tutti potevano intendere perché legati ad un sapere popolare diffuso”.
La scena della Primavera, la prima allegoria-mitologica di Botticelli e la più complessa, si svolge in un giardino ricco di fiori, delimitato da un aranceto e da una siepe di mirto. Il dipinto contiene circa 500 specie vegetali, delle quali 190 fiorite e 70 ciuffi di graminacee o ciperacee. Le specie botaniche, ognuna portatrice di un significato simbolico, sono dipinte un’attenzione che rivaleggia con le opere dei fiamminghi, peraltro conosciute dal pittore.

PONTORMO e la campagna di Carmignano

DATA DA DEFINIRE

Jacopo da Portormo, il cui vero nome era in realtà Jacopo Carducci, è oggi considerato un artista moderno ante-litteram. Fu uno dei pittori più importanti ed influenti del Manierismo del XVI secolo ma anche un anticipatore dei suoi tempi e precursore dell’arte barocca. L’arte e le opere di Jacopo Portormo ispireranno addirittura le sperimentazioni seicentesche.

Tra i maestri più celebri, a cui Jacopo Pontormo deve la sua vasta conoscenza dell’arte fiorentina, c’è addirittura Leonardo da Vinci mentre uno dei sui allievi più bravi fu il Bronzino.

La sua biografia è arrivata fino a noi grazie al ritrovamento di un suo diario personale. L’idea che ne viene fuori è quella di una artista molto malinconico.

Jacopo Pontormo fu tormentato tutta la vita da un senso di grande solitudine e abbandono, probabilmente dovuto alla sua infanzia, che lo portò a importanti sperimentazioni nell’ambito della pittura, distaccandosi nettamente dal classicismo.

Lavorerà per la famiglia Medici ed è proprio qui alla corte di una delle famiglie più importanti d’Europa che Jacopo realizza i suoi primi capolavori come il Ritratto di Cosimo il Vecchio, conservato agli Uffizi, e Leda e il Cigno, in cui si nota l’influsso di un’opera simile realizzata da Leonardo da Vinci.

Grazie al gran numero di botteghe frequentate, e alle influenze con cui si era formato, egli riuscì a sviluppare un stile individuale ed innovativo contribuendo alla formazione del Manierismo italiano.

Noi di Marginalia vi proponiamo una interessante visita nella Pieve di di San Michele e San Francesco a Carmignano per parlarvi non solo di questo luogo ma soprattutto di un’opera straordinaria dell’artista e che si trova proprio qui all’interno di questa chiesa.

Stiamo parlando della VISITAZONE che raffigura la visita di Maria, in attesa di Gesù, alla cugina Elisabetta incinta di Giovanni Battista.


L’opera, una tavola dipinta ad olio tra il 1528 e il 1530 su commissione della famiglia Pinadori, è una delle più ammirevoli testimonianze del primo manierismo fiorentino.

I colori cangianti che variano in una alternanza di rossi, verdi e grigi e forme allungate.

Pontormo si concentra non sull’aspetto intimo dell’incontro ma mette in luce il senso di mistero che avvolge le due donne e l’atmosfera d’attesa per due imminenti nascite eccezionali.

CI ANDREMO TUTTI INSIEME il prima possibile.

Per Informazioni e Prenotazioni

visiteguidate@associazionemarginalia.org

oppure 3664475991

DATA DA DEFINIRE

faremo un’interessante visita guidata in un luogo inconsueto e affascinante.

Si tratta del BELLISSIMO Palazzo Rospigliosi di Pistoia, dove con l’amico e collega Claudio insieme ad un altro relatore, vi porteranno alla scoperta di questo gioiello barocco nella bella Pistoia.

Ritrovo ore 15,45 davanti al Palazzo

durata del Percorso un’ora e venti minuti

visita guidata da due relatori

Previsto biglietto d’ingresso al Palazzo

ricevitori con auricolari per miglior ascolto per tutti.

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE

Informazioni e Iscrizioni

visiteguidate@associazionemarginalia.org 

iniziative@associazionemarginalia.org 

3664475991 

L’antico palazzo Rospigliosi, detto del Duca dalla strada sulla quale si affaccia (così chiamata da quando nel 1667 il Principe Giovanni Battista Rospigliosi ricevette il titolo di Duca di Zagarolo), fu innanzitutto la residenza della nobile famiglia degli Ammannati.

Nel 1306 divenne di proprietà dei Marchesi Malaspina, coi quali i Rospigliosi intrattennero sempre strette relazioni. Intorno alla metà del XVI secolo, attraverso una serie di passaggi, divenne proprietà di Girolamo Rospigliosi, poi di suo figlio Camillo (fratello di papa Clemente IX) quindi, tramite il principe Giovanni Battista Rospigliosi, del ramo dei principi Rospigliosi Pallavicini

L’associazione culturale Marginalia

propone un evento dal titolo UN BOCCONE AMARO

DATA DA DEFINIRE

Una mattina al cenacolo di Sant’Apollonia davanti all’ultima cena di Andrea del Castagno per ascoltarne storia e letture.

Con la partecipazione straordinaria
dell’attrice DANIELA MOROZZI


Tutti i partecipanti saranno muniti di auricolari per migliore ascolto

UN BOCCONE AMARO E Gesù disse: «Uno di voi mi tradirà». E Giovanni chinandosi sul petto di Gesù: «Signore, chi è?». E Gesù: «Colui per il quale intingerò un boccone e glielo darò». Fino a qui i Vangeli . Poi, è la storia dell’arte a proseguire il racconto. Gesù prese un boccone di erba amara (cicoria o sedano) e pane azzimo, lo intinse nel charoset , una sorta di salsa, e non essendoci all’epoca posate, con le tre dita della mano destra, pollice, indice e medio – come si vede in alcune raffigurazioni medievali dell’ultima cena – lo porse a Giuda…

Una mattinata all’insegna dell’arte , diversa, intensa e DA NON PERDERE

Prenotazioni obbligatorie scrivendo o chiamando i seguenti contatti:

366 4475991 –

visiteguidate@associazionemarginalia.org 

iniziative@associazionemarginalia.org –


In merito al nuovo decreto del Governo che stabilisce la chiusura di tutti i musei italiani fino al 3 aprile, questo evento è rimandato con nuova data da definire.

Galleria degli Uffizi, visita guidata ai grandi capolavori

su prenotazione:

anche gruppi minimi di 5/6 persone

Incontro con il gruppo  alla porta n. 2

ingresso ore 16,10

Possibilità di fare il percorso alla Galleria con le nuovesale di Botticelli, Leonardo e Michelangelo oppure Uffizi parte 2 le nuove sale del cinquecento e seicento con Tintoretto, Tiziano, Veronese e ovviamente tutti gli altri per concludere con Caravaggio-


VI ASPETTIAMO per condividere un pomeriggio magico all’interno di uno dei musei più belli del mondo. Durante la settimana nel museo ci sono poche persone e quindi sarà bello poterci soffermare davanti alle opere ammirandole da vicino.

Per prenotazioni e ulteriori informazioni scriveteci o chiamateci ai seguenti contatti:
visiteguidate@associazionemarginalia.org
366 4475991


Nei freddi pomeriggi d’inverno, i musei fiorentini vivono una splendida solitudine.

Le sale quasi vuote, nessuna pressione di fronte ad opere d’arte che da marzo sembreranno nascondersi o addirittura scomparire dietro siepi di gruppi di visitatori.

Lo stesso accade agli Uffizi, anzi: il contrasto tra le situazioni di quelle che chiamiamo alta e bassa stagione, altrove non potrebbe essere più forte.

Da qui nasce l’idea, approfittare del momento: una volta alla settimana, il mercoledi o giovedì pomeriggio, proponiamo una visita agli Uffizi. Saliamo al secondo piano, che un tempo era aperto come una loggia: i tre corridoi finestrati sono una meravigliosa galleria di statue e dipinti, con le decorazioni del soffitto ispirate a quelle dei palazzi imperiali romani. In questi corridoi, nelle sere invernali, filtra una luce che al tramonto si fa più calda, impreziosendo la bellezza dell’allestimento, ed esaltando le vedute dell’Arno, dei ponti della città, e della Cupola del Duomo. Tra un passaggio e l’altro nei corridoi, che da soli meriterebbero l’impegno di un viaggio a Firenze, procediamo tranquillamente nelle sale dove sono esposti i dipinti che raccontano la storia dell’arte italiana: le tavole di Giotto, Gentile da Fabriano, Filippo Lippi e Piero della Francesca. E quindi, ovviamente, Botticelli, Leonardo, Michelangelo (con il Tondo Doni che domina una sala) e Raffaello.

NUOVA DATA DA STABILIRE

con Ritrovo davanti al Portone principale della Chiesa ore 15,50,

proponiamo una visita alla Chiesa di Santa maria Novella in occasione delle aperture gratuite dei Musei civici.

La quota di partecipazione totale sarà di € 8,00 per la visita guidata

più € 2 per il noleggio delle radio con auricolari per migliore ascolto.

BIGLIETTO INGRESSO GRATUITO per residenti a Firenze

Dopo le disposizioni ministeriali il biglietto ingresso non è più gratuito per tutti ma solo per:

Biglietto intero

Ingresso al costo di 7.5 €

Biglietto ridotto

Ingresso al costo di 5 €

Minori dagli 11 ai 18 anni non compiuti (tenuti ad esibire documento di identità)

Biglietto gratuito

Residenti nel Comune di Firenze (tenuti ad esibire documento di identità)

Bambini fino a 11 anni non compiuti

Disabili, e qualora ne avessero necessità, ai loro accompagnatori

Membri di ordini o congregazioni religiose e clero diocesano

Accompagnatori di scolaresche o gruppi (1 ogni 15 membri)

Guide turistiche Italiane (che sono tenute ad esibire il relativo tesserino)

Membri ICOM, ICOMOS e ICCROM

Giornalisti

Prenotazioni Obbligatorie

scrivendo o chiamando i seguenti contatti:

3664475991

visiteguidate@associazionemarginalia.org 

Un po’ di storia:

La Chiesa di Santa Maria Novella , architettonicamente è una delle chiese più importanti in stile Gotico in Toscana. L’esterno è opera di Fra Jacopo Talenti e Leon Battista Alberti. L’interno racchiude capolavori straordinari, tra cui la Trinità di Masaccio, gli affreschi del Ghirlandaio nella Cappella Tornabuoni e il Crocifisso di Giotto.

l convento fu costruito tra il 1279 e il 1357 dai frati Domenicani vicino ad un’atica chiesa del VII secolo circondata dai terreni coltivati fuori le mura di Firenze. La parte inferiore della facciata in marmo, che è in stile romanico, si ritiene sia stata eseguita dall’architetto Domenicano, fra Iacopo Talenti da Nipozzano, mentre la parte superiore fu completata solo cento anni più tardi nel 1470 da Leon Battista Alberti. La facciata non è quindi soltanto la più antica delle chiese di Firenze, ma anche l’unica originalmenete disegnata per la chiesa. Si veda ad esempio San Lorenzo, la cui facciata non è mai stata completata ed altre chiese hanno avuto le loro facciate solo secoli più tardi.

In merito al nuovo decreto del Governo che stabilisce la chiusura di tutti i musei italiani fino al 3 aprile, questo evento è rimandato con nuova data da definire.

proponiamo la visita in notturna alla mostra di Tomàs Saraceno a Palazzo Strozzi Firenze

Ritrovo ORE 21,00 davanti alla caffetteria del Bar all’interno del Cortile interno

Quota di partecipazione € 20,00 a persona

Comprende il biglietto ingresso alla mostra

i diritti di prenotazione e prevendita

noleggio delle rado con auricolari per migliore ascolto

servizio visita guidata

La mostra sarà guidata da più relatori

Prenotazioni Obbligatorie

scrivendo o chiamando i seguenti contatti:

3664475991

visiteguidate@associazionemarginalia.org 

L’artista Tomàs Saraceno argentino, 47 anni e uno dei più visionari artisti contemporanei, sbarca a Palazzo Strozzi di Firenze con la mostra dal titolo “Aria” dietro i suoi collaboratori prediletti: i ragni. creature che per Saraceno diventano paradigma di un modo diverso di percepire il mondo che ci circonda, partendo da una domanda solo apparentemente paradossale: sono i ragni che abitano a casa nostra o siamo noi che viviamo nella loro?

Un percorso che, con lavori spiazzanti, invita i visitatori «a mettersi in contatto con il mondo in modo nuovo

Entrerete in un’atmosfera costellata di complessi sistemi geometrici che formano delle nuvole. Strutture irregolari che ricordano le forme poliedriche di Weaire‐Phelan di schiuma e bolle di sapone, le cui forme straordinarie rappresentano un invito a impegnarsi partendo da direzioni diverse, mentre superfici a specchio riflettono i raggi del sole in un gioco di luci e ombre.

Un percorso affascinante in uno dei luoghi più prestigiosi che raccontano la grande moda italiana. Vi aspettiamo

Museo Gucci

GIOVEDI 26 MARZO ORE 21

Ritrovo in piazza Signoria davanti al Museo ore 21,00

Durata del Percorso un’ora e venti ca

Quota di partecipazione per la visita guidata e i

ricevitori con auricolari per miglior ascolto € 10,00 a persona.

Si ricorda che il biglietto di ingresso al Museo è di € 8,00 a persona

gratuito per i giovani, gli studenti e gli over 65,

chi avesse diritto alla gratuità dovrà considerare la quota meno il biglietto ingresso

Prenotazioni obbligatorie scrivendo o chiamando i nostri contatti

366 4475991

visiteguidate@associazionemarginalia.org 

Situato nel cuore di Firenze, in Piazza della Signoria nel trecentesco Palazzo di Mercanzia, è stato aperto nel settembre 2011 il Museo Gucci, in occasione dei 90 anni dalla nascita del marchio a Firenze, diventato negli anni simbolo di gusto, stile e qualità a livello mondiale.

Servizio fotografico di Silvano Cinelli.

le foto non sono riproducibili senza consenso

In merito al nuovo decreto del Governo che stabilisce la chiusura di tutti i musei italiani e i luoghi chiusi con momenti di aggregazione, fino al 3 aprile, questo evento è rimandato con nuova data da definire.

Ritrovo: ore 16,15 sotto la statua di Giovanni dalle Bande Nere in P.za S. Lorenzo.

Percorso storico, olfattivo all’Antica Profumeria Inglese di Firenze che ci accoglie per darci la possibilità
di parlare di FIORI E PROFUMI:

Parleremo della Primavera attraverso le opere dei grandi artisti,  facendovi vedere alcune  grandi riproduzioni, per apprezzarne la magia e la bellezza introducendoci all’arte profumiera e quindi ai fiori di Primavera.

Tra questi parleremo anche di:  Mimosa, Violetta, Giacinto, Fresia Narciso


Questi fiori ci daranno la possibilità di assaggiare molti profumi prodotti in modo naturale da grandi profumieri.

Al termine della serata sarà offerto a tutti i partecipanti, un assaggio di tisane accompagnate da biscotti aromatizzati alla mimosa e violetta.


Come omaggio alla vostra partecipazione, oltre alle tisane e i biscotti, saranno rilasciati dalla Profumeria inglese, a tutti i partecipanti, donne e uomini, campioni di profumi.

Un pomeriggio di Primavera da non perdere.

Quota di Partecipazione 10,00 a persona

tutti i partecipanti saranno muniti di auricolari per migliore ascolto

Servizio assistenza al punto d’incontro

Come sempre tre relatori vi accoglieranno alla serata.

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE

scrivendo o telefonando a:

visiteguidate@associazionemarginalia.org

3664475991

In merito al nuovo decreto del Governo che stabilisce la chiusura di tutti i musei italiani fino al 3 aprile, questo evento è rimandato con nuova data da definire.

proponiamo la visita guidata alla mostra di Tomàs Saraceno a Palazzo Strozzi (FI)

Ritrovo ORE 16,00 davanti alla caffetteria del Bar all’interno del Cortile interno

Quota di partecipazione € 21,00 a persona

Comprende il biglietto ingresso alla mostra

i diritti di prenotazione e prevendita

noleggio delle rado con auricolari per migliore ascolto

servizio visita guidata

La mostra sarà guidata da più relatori

Prenotazioni Obbligatorie

scrivendo o chiamando i seguenti contatti:

3664475991

visiteguidate@associazionemarginalia.org 

L’artista Tomàs Saraceno argentino, 47 anni e uno dei più visionari artisti contemporanei, sbarca a Palazzo Strozzi di Firenze con la mostra dal titolo “Aria” dietro i suoi collaboratori prediletti: i ragni. creature che per Saraceno diventano paradigma di un modo diverso di percepire il mondo che ci circonda, partendo da una domanda solo apparentemente paradossale: sono i ragni che abitano a casa nostra o siamo noi che viviamo nella loro?

Un percorso che, con lavori spiazzanti, invita i visitatori «a mettersi in contatto con il mondo in modo nuovo

Entrerete in un’atmosfera costellata di complessi sistemi geometrici che formano delle nuvole. Strutture irregolari che ricordano le forme poliedriche di Weaire‐Phelan di schiuma e bolle di sapone, le cui forme straordinarie rappresentano un invito a impegnarsi partendo da direzioni diverse, mentre superfici a specchio riflettono i raggi del sole in un gioco di luci e ombre.