VENERDI 18 SETTEMBRE ORE 20

Serata d’ascolto con apericena presso la Pizzeria Galleria

Per tutti i soci amici ,

proponiamo una serata particolare per chi volesse trascorrerla insieme a tutti noi.

Sarà una serata dove trascorreremo un bel momento a tavola coccolati da Marco gestore del locale e subito dopo tutti insieme ci sposteremo in Piazza Pitti per una serata d’ascolto sul tema del cielo tra arte e scienza.

I ralatori della serata saranno due e tutti i partecipanti saranno microfonati per migliore ascolto.

Non dimenticate di portare un piccolo cuscino per stare seduti in piazza Pitti.

Noi vi aspettiamo per condividere con tutti voi una serata di fine estate davvero speciale

Quota di partecipazione per apericena e serata d’ascolto comprese radio e auricolari € 20,00 a persona

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE

scrivendo o inviando un whtsapp

visiteguidate@associazioneculturalemarginalia.org

3664475991

Sabato 19 settembre Serata di Fine estate con Marginalia

Come ogni anno Marginalia ha il piacere di salutare i propri soci e amici con un percorso che quest’anno partirà con la visita guidata nella Chiesa di San Michele a Carmignano dove parleremo della Visitazione del Pontormo.

Poi tutti insieme ci dirigeremo verso un luogo fantastico sulle colline del Montalbano da dove potremo ammirare la bella villa medicea di Artimino e qui insieme raccontarvi la storia di un popolo antico, gli etruschi che sicuramente vissero in questi luoghi e ammirarono anche loro il cielo estivo. Ne parleremo con un proseguo di serata d’ascolto con due relatori che ci introdurranno al cielo antico e moderno.

Prima ceneremo tuti insieme con prodotti locali e serviti ai tavoli

Musica, storia, arte, armonia e leggende saranno gli ingredienti per trascorrere tutti insieme una serata fantastica.

Vi aspettiamo

Prenotazioni obbligatorie

scrivendo a: visiteguidate@associazionemarginalia.org

3664475991 anche whatsapp

il costo della serata sarà di € 27 a persona

Relatori della serata

Elena Diacciati

Davide Casarosa

Marco Villani

Vania Fanciullacci presenterà la serata

RITROVO ORE 19,15 alla chiesa di Carmignano per la prima arte della serata

a pochi metri dalla chiesa ci ritroveremo immersi nel verde della collina per proseguire la nostra serata

in un luogo stupendo

DA NON PERDERE

GIOVEDI 1 OTTOBRE ore 16 e Venerdi 2 OTTOBRE

VISITA GUIDATA ALLE ORE 16 fino alle 18

percorsi personalizzati GRUPPI CON MASSIMO 9 PERSONE ( fino ad alcuni giorni fa l’ingresso per gruppi era di 5 persone per volta adesso siamo a 9)

Per tutti i soci amici

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE

NECESSARIO L’USO DELLE MASCHERINE

DISTANZE SOCIALI

TUTTI I PARTECIPANTI SARANNO MUNITI DI AURICOLARI SANIFICATI

Possibilità di fare il percorso alla Galleria con le nuove sale di Botticelli, Leonardo e Michelangelo oppure Uffizi parte 2 le nuove sale del cinquecento e seicento con Tintoretto, Tiziano, Veronese e ovviamente tutti gli altri per concludere con Caravaggio-


VI ASPETTIAMO per condividere un pomeriggio magico all’interno di uno dei musei più belli del mondo. Durante la settimana nel museo ci sono poche persone e quindi sarà bello poterci soffermare davanti alle opere ammirandole da vicino.

PER PRENOTAZIONI e ulteriori informazioni

Scriveteci o chiamateci ai seguenti contatti:
visiteguidate@associazionemarginalia.org
366 4475991
ANCHE WHATSAPP

Ricordiamo che il biglietto di ingresso agli Uffizi costa € 20,00 a persona

I ragazzi da 0 a 18 anni gratuito

i ragazzi da 18 a 25 pagano 2 euro

La prenotazione è obbligatoria per tutti e costa 4 euro, la pagano anche i bambini dai 6 anni in su

per tutti gli altri sconti o gratuità consultare il sito Ufficiale degli Uffizi

Tomas Saraceno

MERCOLEDI 17 GIUGNO alle ore 17,00

presso la sede di BOTTEGA STROZZI in Palazzo Strozzi a Firenze

Marginalia PRESENTA LA MOSTRA

dell’artista argentino TOMAS SARACENO.

In merito alle nuove regole che non ci consentono di vistare insieme la mostra, noi di Marginalia insieme a Marco Villani esperto d’arte, vi proponiamo un pomeriggio per parlare dell’artista e della sua mostra che potrete in seguito visitare da soli, dopo la preparazione alla stessa.

A titolo di rimborso spese sono richiesti € 8,00 a persona

POSTI LIMITATI massimo 10 persone

Necessario l’uso delle mascherine

igienizzarsi le mani all’arrivo con gel messo a vostra disposizione

PER PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE

scrivere una mail o un whatsapp o telefonare

visiteguidate@associazionemarginalia.org – iniziative@associazionemarginalia.org

cell e whatsapp 3664475991

Tomàs Saraceno, sogni d’aria

Torniamo insieme a Palazzo Strozzi e incontriamo l’opera di uno dei più interessanti autori contemporanei.

Artista e performer nato nel 1973 in Argentina, dopo gli studi di architettura Tomàs Saraceno ha dedicato il suo talento alla rappresentazione e la reinvenzione degli estremi: l’infinitamente piccolo e l’infinitamente grande. 

Per dire meglio: il macrocosmo delle galassie e degli spazi interstellari viene pensato in analogia con i microcosmi del nostro ecosistema. 

Nella nostra mostra, l’infinitamente piccolo appartiene al mondo dei ragni, animali che intessono strutture la cui organica perfezione proietta la mente e la sensibilità verso dimensioni astronomiche. 

Dalle ragnatele alle galassie, dalla terra al cielo attraverso l’elemento dell’aria, questo è l’affascinante nucleo dei pensieri che assimilano a volte l’arte di Saraceno ad una moderna e accorata sfida ecologica rivolta alla salvezza del nostro fragile pianeta. 

La mostra si compone di otto sezioni più una introduzione riservata alle sfere specchianti che si liberano verso le nuvole dal cortile del Palazzo rinascimentale. 

Capiremo cosa è un connettoma, struttura inventata guardando alle tele dei ragni. Scopriremo l’aracnomanzia, ovvero i tarocchi tradotti nell’universo dei ragni. Parleremo delle città nuvola, che dovranno esistere in un’era che abbia finalmente superato quella del combustibile fossile… tutto per andare oltre il tempo dell’uomo ed entrare nel sogno dell’aria, dall’antropocene verso l’utopia dell’aerocene. 

vi aspettiamo,

Marco Villani

Nuova data da definire

Per tutti i soci amici, ecco una bella proposta.

Passeggiata tra arte e natura al Giardino Bardini di Firenze

Ritrovo ore 16,30 alla Biglietteria INGRESSO da COSTA San Giorgio, N 2

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE

POSTI LIMITATI

RICHIESTO l’USO DELLA MASCHERINA E DISTANZE SOCIALI

TUTTI I PARTECIPANTI SARANNO MUNITI DI AURICOLARI SANIFICATI PER MIGLIOR ASCOLTO POTENDO MANTENERE LE DISTANZE

BIGLIETTI INGRESSO AL GIARDINO:

Intero€ 10,00

Ridotto€ 2,00 per persone tra i 18 e i 25 anni appartenenti alla Comunità Europea.

Gratuito per i residenti nel comune di Firenze e provincia, nel comune di Arezzo e provincia e nel comune di Grosseto e provincia.

Quota di partecipazione a titolo rimborso spese per la visita guidata

€ 12,00 a persona Ragazzi gratuito fino a 13 anni

Itinerario semplice adatto a tutti.

consigliate scarpe comode

durata del percorso un’ora e 20 minuti

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE

POSTI LIMITATI

SCRIVENDO O CHIMANDO O INVIANDO UN WHATSAPP

visiteguidate@associazionemarginalia.org – 366 4475991 

iniziative@associazionemarginalia.org

Un’affascinante percorso d’arte parlando di storia e cultura in uno dei giardini più belli di Firenze con una veduta sulla città mozzafiato.

 

Il percorso sarà guidato a due voci, con letture di alcuni brani liberamente tratti da un racconto di Hermann Hesse sul tema del giardino.

 

 

 

Un po’ di storia

Continua la lettura

Chiesa di Santo Spirito Tra Brunelleschi e Michelangelo

Per i soci amici di Marginalia un bellissimo percorso da non perdere.

NUOVA DATA DA STABILIRE

Ritrovo davanti all’ingresso della chiesa ore 16,10

Tutti i partecipanti saranno muniti di radio riceventi collegate ai nostri microfoni, con auricolari per migliore ascolto

Percorso guidato

Quota di partecipazione € 12 a persona

Bambini fino a 10 anni gratuito

la quota comprende visita guidata, auricolari per migliore ascolto ingresso nella sagrestia per visita al Crocifisso di Michelangelo

Vi aspettiamo per trascorrere un bel pomeriggio pieno di curiosità storia e per chi lo vorrà un drink finale insieme a noi.

Ricordiamo che per partecipare si dovranno rispettare le seguenti regole:

Utilizzo delle mascherine

Rispetto del distanziamento sociale

Igenizzarsi le mani prima dell’ingresso

Per iscrizioni e informazioni:

visiteguidate@associazionemarginalia.org 

 366 4475991 – 329 3075760

Un pò di storia

Continua la lettura

L’Associazione Culturale Marginalia, ha dato vita ad una serie di serate d’ascolto Per i soci sui temi dell’arte.

con:

Marco Villani, Elena Diacciati, Davide Casarosa, Donatella Ferraris

Vania Fanciullacci

Sarete intrattenuti in una video serata a cui potrete partecipare in diretta e attivamente collegandovi alla nostra piattaforma, di cui i soci interessati potranno ricevere le credenziali.

Alle serate potrà partecipare solo chi si iscrive ( le serate sono a numero chiuso) in diretta su Zoom. La prima parte della serata d’ascolto, prevede la relazione sui vari argomenti proposti, mentre il finale della serata sarà a disposizione per chi vuole fare domande o commenti in diretta.

NUOVE DATE DI GIUGNO PER LE SERATE D’ASCOLTO:

DA DEFINIRE

PRECEDENTI SERATE:

VENERDI 15 maggio Davide Casarosa e Vania Fanciullacci presentano

I Grandi manifesti di fine ottocento e inizi novecento

La poesia pubblicitaria non è una filastrocca di parole buttate giù obbligatoriamente per cantare la qualità di un prodotto industriale o commerciale… esaltare un prodotto industriale o commerciale con lo stesso stato d’animo con cui si esaltano gli occhi di una donna, vuol dire raggiungere un lirismo di alta potenzialità. Poesia pubblicitaria intesa coma antesorella dell’industria, del commercio, della scienza, della politica, di tutte le manifestazioni di oggi e di domani.
Giovanni Gerbino, “Dinamo futurista”, marzo 1933

Vi aspettiamo in tanti a questa serata.

LUNEDI 18 maggio Elena Diacciati presenta

I colori nell’arte

Il 12 aprile 1961 Jurij Gagarin, il primo uomo ad essere andato nello spazio, rimise piede sulla Terra e rivelò al mondo qualcosa di inatteso: il nostro pianeta, visto da lassù, è blu. Fino a quel momento non lo sapeva nessuno. Il blu, come tutti gli altri colori, ha una storia ricchissima e sorprendente da raccontare. I colori sono mutevoli, lunatici e persino difficili da studiare. Hanno una storia movimentata che ha lasciato numerosissime tracce anche nel vocabolario che usiamo tutti i giorni: si può diventare bianchi come un lenzuolo o essere al verde, vedere rosso o avere una fifa blu, ma di blu si può avere persino il sangue!

Faremo un viaggio all’insegna dei colori tra l’arte e la moda, la scienza e la tecnica, la religione e la politica. Scopriremo perché il blu, oggi tanto amato, non lo fosse affatto nell’antichità classica. Vedremo perché il rosso è un colore ambiguo, così come il verde. Sul giallo il giudizio è stato a lungo negativo, tanto che di colore giallo è di solito la veste di Giuda. E il nero? E il bianco? Lo scopriremo assieme se avrete voglia di seguirmi in questa avventura a colori!

cari soci di Marginalia vi aspetto numerosi, Elena

VENERDI 22 MAGGIO Marco Villani presenta

Viaggio nel Barocco

Non sappiamo con precisione cosa significhi questa parola: barocco, ma il termine richiama subito alla mente un’idea di estetica solenne e spettacolare. Il Barocco è la grande arte del Seicento, italiano ed europeo, la metafora di una  modernità ad un nuovo inizio, che si apre su spazi che suggeriscono l’infinito.
Il secolo precedente aveva visto il trionfo dell’armonia rinascimentale, dei grandi interpreti delle storie sacre e del ritratto profano (da Raffaello a Tiziano). Poi tutto si era complicato nelle difficoltà del manierismo, richiedendo l’intervento severo della disciplina cattolica, quasi a castigare le arti.
Queste le premesse. Arrivano quindi i giorni della verità esplorata dal genio del Caravaggio, che apre una nuova strada, fino a che dagli anni 20 e 30 del Seicento, a Roma, non nasce una nuova visione artistica che supera ogni rigore accademico e scolastico. Grazie alle menti eccelse di Gian Lorenzo Bernini, Pietro da Cortona, Rubens, Francesco Borromini, viene forzata ogni geometria razionale con esiti spettacolari. Il confronto è con il teatro (il dramma della vita portato sulla scena) ed il senso continuo del movimento. L’arte barocca dà l’idea di qualcosa che non si ferma dentro limiti misurabili, il senso di sconfinamento è costante, il gioco dell’illusione viene spinto sempre un passo più avanti, nello scambio costante tra finzione e realtà. 
Apollo e Dafnela Cattedra di San Pietro, l‘Estasi di Santa Teresa, e quindi le di fontane e le piazze immense, sono i capolavori sublimi del Bernini che segnano un intero secolo.Accanto a queste, le invenzioni folgoranti delle architetture del Borromini, il soffitto affrescato per i Barberini da Pietro da Cortona, la materia della vita che diventa morbida e densa pittura di fuoco in Rubens: sono i vertici grandiosi di un movimento estetico affascinante che intendiamo di riscoprire insieme.
A molto presto, 
Marco Villani

LUNEDI 25 MAGGIO ELENA DIACCIATI presenta

Gli Etruschi: un popolo misterioso?

Sarà capitato a tutti voi sentire parlare degli Etruschi come di un popolo misterioso. Senza dubbio è proprio questo uno dei motivi per cui questa antica civiltà ci affascina così tanto. Ma perché gli Etruschi sono considerati un popolo misterioso? Ed è davvero così? In questa nostra conversazione parleremo della storia di questo popolo, delle sue origini, della sua lingua e degli altri caratteri che resero la civiltà etrusca singolare già agli occhi degli antichi greci e romani. Anzi fu proprio la diversità del popolo etrusco che spesso portò gli antichi a darne un giudizio tutt’altro che lusinghiero. Scopriremo invece una civiltà molto più all’avanguardia di tante altre.

Vi aspetto numerosi come sempre

Elena 

MARTEDI 26 MAGGIO DONATELLA FERRARIS presenta

Torino da città romana a capitale barocca

Il modello architettonico, urbanistico e territoriale che nel periodo barocco caratterizza Torino quale capitale europea, si fonda sui nuovi modelli spaziali dell`Assolutismo, che diedero in Europa le città-capitali come inedite strutture di comunicazione e di segni, con marcata presenza di valori simbolici. In questo senso sono importanti per il Piemonte sabaudo non soltanto le realizzazioni, ma anche il lucido “progetto di comunicazione” costituito dall`impresa editoriale del Theatrum Sabaudiae (1682).

Il periodo artistico che però caratterizza maggiormente il Piemonte è il Barocco (fine ‘500 fino a tutto il ‘700), il momento di massimo splendore artistico, che contribuì, grazie alla sua diffusione in tutta la regione, anche ad una sua maggiore unità culturale. Esso coincide con l’ascesa del regno Sabaudo, iniziata col duca Emanuele Filiberto e di centrale importanza per la storia d’Italia. Dovunque si rinnovano e si costruiscono palazzi e chiese.
Il periodo barocco è un’epoca ricca di sconvolgimenti. Subentrano i cambiamenti derivanti dalla colonizzazione delle Americhe, si susseguono guerre e lotte dinastiche, la scienza fa passi da gigante con teorie ed invenzioni che mettono in dubbio i dogmi e le certezze su cui si era basata fino ad allora la visione del mondo e dell’uomo (si pensi solo alla teorie e alle invenzioni di Galileo Galilei). È il tempo della Riforma luterana e della Controriforma, delle grandi monarchie assolutiste e di una società fortemente gerarchizzata. L’arte barocca riflette e rielabora gli sconvolgimenti storici con l’abbondanza di arabeschi, linee quasi mai rette, gli stucchi, i decori ed i marmi finalizzati all’effetto scenografico e sfarzoso. In ciò si ritrova la ricerca artistica della conciliazione di quegli opposti (fede/scienza, razionalità/passioni) che dilaniano e allo stesso tempo plasmano l’epoca.

Il modello architettonico, urbanistico e territoriale che nel periodo barocco caratterizza Torino quale capitale europea, si fonda sui nuovi modelli spaziali dell’Assolutismo, che diedero in Europa le città-capitali come inedite strutture di comunicazione e di segni, con marcata presenza di valori simbolici. In questo senso sono importanti per il Piemonte sabaudo non soltanto le realizzazioni, ma anche il lucido “progetto di comunicazione” costituito dall’ impresa editoriale del Theatrum Sabaudiae (1682).

Il periodo Barocco appare dunque caratterizzato, anche in Piemonte, da una forte integrazione tra politica, architettura, urbanistica, arte e retorica di corte, e trova nelle chiese di protezione ducale e regia, nelle congregazioni religiose, nelle residenze auliche della corte, dal Palazzo Reale alla corona di delizie extraurbana, negli esiti urbanistici delle vie e delle piazze porticate progettate a specchio del Potere sovrano, nei palazzi nobiliari e nelle vigne collinari, il filo conduttore che contraddistingue una società colta ed evoluta, capace di coniugare architettura e arte.

Amici di Marginalia Vi aspetto in tanti per il piacere di raccontarvi la mia città in attesa di incontrarvi con Marginalia il prima possibile.

Donatella

GIOVEDI 28 MAGGIO Marco Villani presenta

Preziose reliquie

Potremmo mai pensare che alle origini della nostra civiltà, fondata sullo scambio, la fede, il viaggio, ci possano essere quelle minuscole testimonianze materiali, così preziose di un valore simbolico e spirituale, che chiamiamo reliquie?Dobbiamo pensarlo e crederlo. Quando mille anni fa l’Europa rinacque con nuovi scambi e risorsero le città e i loro traffici, vennero fondate immense cattedrali per dare un centro di gravità alla fede ed all’identità di quei popoli.La fantasia artistica e la devozione popolare si incontrarono, trovando una loro ragione imprescindibile nel culto di preziose reliquie.La più bella cattedrale gotica di Francia, a Chartres, ha la missione di custodire il velo della Vergine Annunziata, Notre Dame de Paris e la Sainte Chapelle esistono per la venerazione della corona di spine del Cristo, e i re Magi continuano a viaggiare con i loro resti materiali da Gerusalemme a Milano a Colonia. E infine ed ancora, qui vicino a noi, la meraviglia di imprese memorabili dell’arte come la cattedrale di Pistoia e la cattedrale di Prato radicano la propria storia nella presenza delle reliquie (venute da lontano) di San Jacopo apostolo e della leggendaria cintola della Vergine…

Vi aspettiamo presto per una serata d’ascolto che evochi qualcosa come un viaggio nel tempo e nello spazio, 
Marco Villani


Per ulteriori informazioni scrivere a Vania:

che gestirà le serate vi darà tutte le informazioni a riguardo.

info@associazionemarginalia.org oppure a visiteguidate@associazionemarginalia.org

3664475991

Grazie a chi vorrà sostenerci e partecipare

La Casa Buonarroti 

un percorso nei luoghi di Michelangelo con Marginalia.

DATA DA DEFINIRE

Una visita  interessante per gustare  nella tranquillità di un museo poco frequentato opere di notevole prestigio.

All’interno del Museo sono contenuti  alcuni capolavori di Michelangelo, tra cui simboli riconosciuti della Casa, La Madonna della scala e la Battaglia dei centauri, i due rilievi marmorei eseguiti a Firenze dall’artista tra il 1490 e il 1492, quando, essendo nato nel 1475, non era più che un adolescente.

Il Museo espone inoltre anche ricche collezioni di dipinti, sculture, maioliche e pezzi archeologici.

 

Per informazioni scrivere alle seguenti mail:

visiteguidate@associazionemarginalia.org

iniziative@associazionemarginalia.org

TEL: 3664475991

TEL: 329 3075760

 

 

Un Pò di storia Continua la lettura

IL PROFUMATO GIARDINO DEGLI UFFIZI

Molti di voi avranno già sicuramente visitato le Gallerie degli Uffizi, alcuni magari anche più di una volta, tuttavia per la grande quantità di materiale presente, ogni volta, nei nostri percorsi mancherà qualcosa. Parliamo di quei particolari su cui sarebbe giusto soffermarsi degnamente e con l’attenzione che meritano.

Abbiamo intitolato questo nuovo percorso “IL PROFUMATO GIARDINO DEGLI UFFIZI” perché in questa occasione, anche per chi, ripetiamo avesse già visitato il museo, proponiamo un’incantevole passeggiata tra le più belle fioriture dei nostri prati e colline una vera esplosione primaverile e di rinascita, che ammireremo nei dipinti di grandi maestri.

Arricchiremo il percorso con essenze da far assaggiare ai presenti che ci richiameranno ai fiori di cui parleremo.

Il percorso sarà condotto in modo da introdurvi sia al tema del giardino e dei profumi e delle opere da un punto di vista storico ma anche botanico.

Vi aspettiamo per passeggiare in uno dei giardini più belli del mondo La Galleria degli Uffizi

Data da definire

Per prenotazioni e ulteriori informazioni scrivere o chiamare:

366 4475991 – 329 3075760
visiteguidate@associazionemarginalia.org 

iniziative@associazionemarginalia.org

Un po’ di storia

Nell’arte medioevale i simboli e i miti della tradizione pagana sono ripresi e trasformati in immagini sacre. I monasteri divengono i depositari della cultura antica, l’amanuense e il miniatore danno vita a manufatti preziosi, e per esprimere concetti, simboli religiosi, utilizzano immagini del mondo vegetale. Autentici capolavori sono i Libri d’Ore. I monaci, inoltre, trascrivono e illustrano, gli erbari del passato e più recenti, contenenti notizie sulle proprietà curative delle piante. “I fiori nel Medievo comunicavano messaggi che tutti potevano intendere perché legati ad un sapere popolare diffuso”.
La scena della Primavera, la prima allegoria-mitologica di Botticelli e la più complessa, si svolge in un giardino ricco di fiori, delimitato da un aranceto e da una siepe di mirto. Il dipinto contiene circa 500 specie vegetali, delle quali 190 fiorite e 70 ciuffi di graminacee o ciperacee. Le specie botaniche, ognuna portatrice di un significato simbolico, sono dipinte un’attenzione che rivaleggia con le opere dei fiamminghi, peraltro conosciute dal pittore.

PONTORMO e la campagna di Carmignano

DATA DA DEFINIRE

Jacopo da Portormo, il cui vero nome era in realtà Jacopo Carducci, è oggi considerato un artista moderno ante-litteram. Fu uno dei pittori più importanti ed influenti del Manierismo del XVI secolo ma anche un anticipatore dei suoi tempi e precursore dell’arte barocca. L’arte e le opere di Jacopo Portormo ispireranno addirittura le sperimentazioni seicentesche.

Tra i maestri più celebri, a cui Jacopo Pontormo deve la sua vasta conoscenza dell’arte fiorentina, c’è addirittura Leonardo da Vinci mentre uno dei sui allievi più bravi fu il Bronzino.

La sua biografia è arrivata fino a noi grazie al ritrovamento di un suo diario personale. L’idea che ne viene fuori è quella di una artista molto malinconico.

Jacopo Pontormo fu tormentato tutta la vita da un senso di grande solitudine e abbandono, probabilmente dovuto alla sua infanzia, che lo portò a importanti sperimentazioni nell’ambito della pittura, distaccandosi nettamente dal classicismo.

Lavorerà per la famiglia Medici ed è proprio qui alla corte di una delle famiglie più importanti d’Europa che Jacopo realizza i suoi primi capolavori come il Ritratto di Cosimo il Vecchio, conservato agli Uffizi, e Leda e il Cigno, in cui si nota l’influsso di un’opera simile realizzata da Leonardo da Vinci.

Grazie al gran numero di botteghe frequentate, e alle influenze con cui si era formato, egli riuscì a sviluppare un stile individuale ed innovativo contribuendo alla formazione del Manierismo italiano.

Noi di Marginalia vi proponiamo una interessante visita nella Pieve di di San Michele e San Francesco a Carmignano per parlarvi non solo di questo luogo ma soprattutto di un’opera straordinaria dell’artista e che si trova proprio qui all’interno di questa chiesa.

Stiamo parlando della VISITAZONE che raffigura la visita di Maria, in attesa di Gesù, alla cugina Elisabetta incinta di Giovanni Battista.


L’opera, una tavola dipinta ad olio tra il 1528 e il 1530 su commissione della famiglia Pinadori, è una delle più ammirevoli testimonianze del primo manierismo fiorentino.

I colori cangianti che variano in una alternanza di rossi, verdi e grigi e forme allungate.

Pontormo si concentra non sull’aspetto intimo dell’incontro ma mette in luce il senso di mistero che avvolge le due donne e l’atmosfera d’attesa per due imminenti nascite eccezionali.

CI ANDREMO TUTTI INSIEME il prima possibile.

Per Informazioni e Prenotazioni

visiteguidate@associazionemarginalia.org

oppure 3664475991