UFFIZI, I MERCOLEDI AL MUSEO, ore 16:00 da Pontormo a Caravaggio.

UN PERCORSO FANTASTICO DA PONTORMO A CARAVAGGIO.

Un’occasione davvero speciale per riappropriarsi di un museo bellissimo, privo di folle e confusione all’interno delle sale. In inverno gli Uffizi godono di una bella solitudine e negli spazi espositivi potremo essere davanti alle opere per ammirarle come sarebbe sempre giusto fare.

MARGINALIA PROPONE UN PERCORSO OGNI MERCOLEDI NEL POMERIGGIO

IL RITROVO E’ PREVISTO ALLE ORE 15,30 PRESSO LA PORTA N 3 che si trova (arrivando da P.za Signoria sul lato destro del Piazzale degli Uffizi) dopo le impalcature dei lavori in corso nel casottone di legno dove c’è la grande gru.

VEDI FOTO

PRENOTAZIONI: Inviando un Whatsapp al 366 4475991 oppure una mail a : visiteguidate@associazionemarginalia.org Oppure inviaci un Messanger su Facebook, scirvici su Instagram

Un percorso da non perdere ti aspettiamo con chi vuoi e ricorda che:

IL BIGLIETTO INGRESSO COSTA SOLO € 12,00 SOLO fino al 28 Febbraio ( poi diventa di € 25,00 a persona)

Nei giorni dal martedi al venerdi non è necessario prenotare, quindi si risparmiano 4 euro a persona.

SERVIZIO GUIDA: € 15 a persona.

NOLEGGIO RADIO: 1,00 euro a persona

NON PUOI MANCARE
TI ASPETTIAMO!

E RICORDA CHE :

La nostra Associazione, propone visite guidate agli Uffizi tutti i giorni dal martedi alla domenica

MATTINA DALLE ORE 10,30

POMERIGGIO DALLE ORE 16:00

Proponiamo un viaggio tra le opere più significative del Museo soffermandoci sulle opere più significative dei vari maestri.

PROPOSTA PERCORSI:

PERCORSO N 1 – DA GIOTTO A MICHELANGELO

con particolare attenzione alle più belle opere inneggianti il Natale e l’epifania di artisti del calibro di Gentile da Fabriano, Botticelli, Hugo van der Goes, Mantegna, Filippino Lippi, Leonardo.

PERCORSO N 2 – PONTORMO A CARAVAGGIO

con particolare attenzione alle più belle opere inneggianti il Natale e l’epifania di artisti del calibro di Correggio, Bronzino, Gerrit van Honthorst

Vi aspettiamo per condividere insieme un viaggio artistico nell’atmosfera natalizia che opere uniche e affascinanti come quelle conservate agli Uffizi, ci raccontano da secoli.

COSTI:

Biglietto ingresso per gli UFFIZI € 12,00 a persona, il biglietto è ridotto per la tariffa di bassa stagione FINO AL 28 FEBBRAIO 2023

PRENOTAZIONE obbligatoria PER IL SABATO E LA DOMENICA richiesta dalle Gallerie degli UFFIZI € 4,00 a persona, la pagano anche i bambini.

Biglietti per giovani fino a 18 anni – Gratuito

dai 18 anni compiuti fino ai 25- Biglietto ingresso (due) 2,00 euro

Per altre Gratuità consultare il sito: https://www.uffizi.it/pagine/biglietto-gratuito-ridotto-ingresso gratuito

SERVIZIO GUIDA PER GRUPPI DI 9 PERSONE € 15:00 A PERSONA, PIU’ UN EURO PER NOLEGGIO RADIO CON AURICOLARI

GRUPPI MASSIMO DI 9 PERSONE

PER MINIMO 2 PERSONE – PREZZI SERVIZIO GUIDA A PREVENTIVO chiamando il 3664475991

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE

SCRIVENDO A: visiteguidate@associazionemarginalia – Whatsapp 3664475991 oppure chiamando sempre al numero 3664475991

Vi aspettiamo!

Visita il nostro sito per tutte le nostre attività

https://www.associazionemarginalia.org/

Orgoglio italiano, gli Uffizi sono stati nominati miglior museo al mondo (prima di Louvre e Moma)

Di Elena Fausta Gadeschi Pubblicato sulla rivista Elle

Da quando nel novembre 2015 Eike Schmidt ha preso in mano le sorti degli Uffizi trasformandoli nell’istituzione internazionale che adesso rappresentano, questo museo ha scalato preferenze e classifiche non solo di turisti e appassionati, ma anche di riviste culturali specializzate e non solo. Tra queste, l’ultimo verdetto è arrivato proprio dalla testata inglese Timeout, che ha collocato la Galleria degli Uffizi al primo posto tra i “migliori musei al mondo”. La motivazione? Secondo la giornalista Sophie Dickinson “ci sono così tante opere classiche abbaglianti agli Uffizi che alcuni visitatori sono stati portati in ospedale a causa della sensazione travolgente che provocano (Firenze è la culla della sindrome di Stendhal, dopotutto). Non importa se hai già visto mille volte la Nascita di Venere di Botticelli, niente ti prepara all’impatto con il capolavoro reale. E ci sono molti altri spettacolari dipinti rinascimentali da ammirare, come la Medusa di Caravaggio e Giuditta che uccide Oloferne di Artemisia Gentileschi”.

A far guadagnare agli Uffizi la palma d’oro di miglior museo al mondo, davanti persino al Louvre e al Moma di New York

– rispettivamente al secondo e terzo posto –, sarebbero insomma innegabili e intrinseci meriti della collezione, oltre che della stessa città che la ospita, l’incantevole Firenze. Eppure fino a pochi anni fa l’impressione che si aveva delle Gallerie era di un’istituzione polverosa, carica di tesori, ma incapace di valorizzarli e del tutto disinteressata ad attrarre l’attenzione di un pubblico giovane e variegato. Cosa è cambiato? Prima di tutto la percezione che degli Uffizi oggi hanno i ragazzi. Se lo scorso anno un terzo dei visitatori sono stati under 25, questo si deve al potente rilancio voluto dal direttore, che senza indugi ha aperto le porte delle sale a influencer e imprenditori celebri come Chiara Ferragni, la tiktoker Martina Socrate e persino Elon Musk. Poi, senza farsi trattenere dalla paura di contaminare i linguaggi, Schmidt ha lasciato che fossero le opere a parlare da sé e a esprimere la loro modernità, operando un riallestimento di ben 64 sale, approdate da qualche anno anche su Instagram, dove oggi il profilo ufficiale del museo conta ben 664mila follower.

Passeggiata storica GRATUITA PER I SOCI di Marginalia

SABATO 11 FEBBRAIO alle ore 16,30  è in programma 

San Marco, Il Palazzo dei Cartelloni, San Lorenzo e l’ombra del Sant’Uffizio su Firenze

PERCORSO GUIDATO GRATUITO riservato ai soci di Marginalia in regola con il rinnovo o l’attivazione della tessera per l’anno 2023.

RITROVO ore 16:30 in P,za San Marco davanti alla chiesa

DURATA DEL PERCORSO: un’ora e trenta minuti

TUTTI I PARTECIPANTI SARANNO MUNITI DI RADIO CON AURICOLARI

PERCORSO FACILE: adatto a tutti

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE:

SCRIVENDO A: visiteguidate@associazionemarginalia.org oppure inviando un Whatsappal 3664475991

Questa passeggiata storica, che sarà guidata dal nostro collaboratore LORENZO intende promuovere, far conoscere e valorizzare aspetti insoliti e meno celebrati del territorio fiorentino compreso tra  San Marco, San Lorenzo, via San Antonino con il palazzo dei CARTELLONI per finire in Santa Maria Novella.

Attraverso l’itinerario proposto, sarà possibile scoprire alcuni aspetti poco conosciuti di quest’area di Firenze, ma soprattutto un invito all’ascolto di una storia interessante forse meno divulgata e un po’ dimenticata.

Partiremo  da P.za San Marco iniziando ad introdurre gli Osservanti e Girolamo Savonarola, poi passeremo attraverso San Lorenzo dove verranno messe in luce anche le trasformazioni avvenute nel corso dei secoli in un quartiere sempre in fermento e in continua evoluzione. 

Passeremo quindi da Via San Antonino con il Palazzo dei Cartelloni, parlando di Galileo, per finire in  Piazza Santa Maria Novella che fu il luogo della prima predica contro Galileo da parte dei Predicatori.

Questo ci darà la possibilità anche di spiegare la differenza tra i domenicani di San Marco e quelli di Santa Maria Novella.

Concluderemo, con la storia del Tribunale dell’Inquisizione.

Sarà l’occasione per scoprire un ulteriore aspetto della città e riappropriarsi durante la passeggiata, anche di alcuni angoli e cortili nascosti, ma soprattutto di una storia lontana ma ancora oggi piena di mistero e fascino.

VI ASPETTIAMO IN TANTI

Nel frattempo visita il nostro sito per essere sempre informato su tutte le novità relative ad attività, percorsi e gite:

https://www.associazionemarginalia.org/ seguici anche su facebook e su Instagram

ACCADEMIA DELLA CRUSCA, visita guidata esclusiva di domenica pomeriggio con Marginalia

DOMENICA 12 FEBBRAIO 2023 ORE 16:00 – ANCORA ALCUNI POSTI DISPONIBILI

La nostra Associazione Propone di trascorrere insieme una domenica pomeriggio in uno dei luoghi più significativi del nostro territorio, L’ACCADEMIA DELLA CRUSCA, che si trova all’interno della bella Villa Medicea di Castello a Sesto Fiorentino.

Marginalia ha ottenuto un’apertura speciale di domenica Pomeriggio, come saprete le visite si svolgono regolarmente ma la mattina. Questo ci darà la possibilità di visitare in grande armonia un ambiente davvero suggestivo. Di seguito postiamo per voi alcune imagini.

RITROVO ORE 16:00 ( RICHIESTA PUNTUALITA’) Davanti A VILLA REALE DI CASTELLO, A SESTO FIORENTINO (non sbagliare con Villa Petraia che si trova più in alto)

QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER I SOCI: € 13,00 a persona

PER I NON SOCI € 16,00 a persona

LA QUOTA COMPRENDE: ingresso per l’apertura straordinaria alla villa, la visita guidata e il noleggio radio per migliore ascolto.

Percorso Facile adatto a tutti bello anche per i ragazzi che pagheranno fino a 13 anni € 8,00

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE SCRIVENDO AI SEGUENTI CONTATTI:

WHATSAPP 366 4475991  – visiteguidate@associazionemarginalia.org

Visita il nostro sito per conoscere tutte le attività di marginalia:

https://www.associazionemarginalia.org/

Un pomeriggio di pieno inverno da non perdere!

all’interno dell’antica Villa Medicea dove il grande Vasari ritroverà negli anni 50 del 500 le opere iconiche del nostro rinascimento italiano, La Primavera e la Nascita di Venere a cui lui darà il titolo. Non sapremo mai come il maestro Sandro Botticelli le avesse titolate.

Cenni storici sull’Accademia:

La storia dell’Accademia affonda le proprie radici nel decennio 1570-1580, quando un gruppo di amici e letterati fiorentini, che usava riunirsi regolarmente, si dette il nome scherzoso di “brigata dei crusconi”.

Già con la scelta di questo nome il gruppo manifestò la volontà di differenziarsi dalle pedanterie dell’Accademia fiorentina, alle quali contrapponeva le “cruscate”, cioè discorsi giocosi e conversazioni di poca importanza.

Già da questi primissimi anni di attività non erano comunque del tutto assenti intenzioni letterarie, con dispute e letture di un certo impegno culturale, rivolte in particolar modo verso opere e autori volgari. Vengono tradizionalmente indicati come i fondatori della Crusca Giovan Battista Deti, il Sollo; Anton Francesco Grazzini, il Lasca; Bernardo Canigiani, il Gramolato; Bernardo Zanchini, il Macerato; Bastiano de’ Rossi, l’Inferigno, cui si aggiunse nell’ottobre 1582 Lionardo Salviati, l’Infarinato, che dette la spinta decisiva verso la trasformazione degli intenti dell’Accademia e indicò il ruolo normativo che da quel momento in poi essa avrebbe assunto.

Lo stesso Salviati dette nuovo significato al nome della Crusca, fissando l’uso della simbologia relativa alla farina: il modello di lingua adottato prevedeva, sulla scia di quello già sostenuto da Pietro Bembo (1525), il primato del volgare fiorentino degli autori del Trecento (e in particolare di Dante, Petrarca e Boccaccio); in questa prospettiva all’Accademia si attribuiva il compito, così come si passa al setaccio la farina per separarla dalla crusca, di “passare al setaccio” la lingua e ricavarne “il fiore”, cioè la parte migliore.

ESCHER, visita guidata alla mostra di Firenze, con Marginalia

SABATO 18 FEBBRAIO ORE 17:00

SABATO 21 GENNAIO TUTTO ESAURITO

RITROVO con i partecipanti alle ore 16,30 davanti al Museo degli Innocenti

in Piazza della Santissima Annunziata.

Quota di partecipazione € 25,00 a persona

La quota comprende biglietto ingresso, servizio guida, noleggio radio per migliore ascolto.

LA VISITA DURERA’ un’ora e trenta minuti ca

PRENOTAZIONI APERTE SCRIVENDO UN WHATSAPP AL 3664475991

OPPURE UNA MAIL A: visiteguidate@associazionemarginalia.org

La mostra di Escher si configura come il primo grande evento espositivo

all’interno del complesso monumentale – progettato da Filippo Brunelleschi – che ospita il meraviglioso e ricchissimo Museo degli Innocenti che, con le mostre firmate Arthemisia, si è già avviato a essere sede di grandi mostre d’arte.

Un’antologica – con circa 200 opere e i lavori più rappresentativi che lo hanno reso celebre in tutto il mondo – che racconta il genio dell’artista olandese con le opere più iconiche della sua produzione quali Mano con sfera riflettente (1935), Vincolo d’unione (1956), Metamorfosi II (1939), Giorno e notte (1938) e la serie degli Emblemata, che appartengono all’immaginario comune riferibile al grande artista.

Il Museo, nato per esporre le opere d’arte dell’antico Spedale, grande centro d’accoglienza per bambini, il Museo è stato trasformato in un percorso che permette di scoprire un patrimonio culturale unico al mondo perché profondamente legato all’attività svolta in favore dei bambini che non potevano essere cresciuti dalle famiglie d’origine.

Tra storia, arte e architettura, la collezione del Museo presenta opere acquisite tramite donazioni o in seguito all’accorpamento di altre istituzioni assistenziali e contiene alcuni capolavori di artisti di grande rilievo tra i quali Domenico Ghirlandaio, Luca e Andrea della Robbia, Sandro Botticelli e Piero di Cosimo, ma anche di artisti cresciuti agli Innocenti e avviati alla pittura dal priore Vincenzo Borghini come Vincenzo Ulivieri, Giovan Battista Naldini e Francesco Morandini (detto il Poppi).

https://www.associazionemarginalia.org/

“Eleonora e l’invenzione  della corte fiorentina” Visita Guidata alla Mostra, con Marginalia.

Per celebrare i cinquecento anni dalla nascita della Duchessa è stata organizzata una mostra straordinaria a Palazzo Pitti, dedicata ad una delle donne più belle mai entrate in casa Medici. Colta, raffinata, imprenditrice, moglie e madre perfetta, ci sarà raccontata nel contesto storico in cui visse dall’esperto d’arte Marco Villani di Marginalia.

DOMENICA 19 FEBBRAIO ORE 16:15 TUTTO ESAURITO

RITROVO: ORE 16:00 presso la biglietteria di Palazzo Pitti

DURATA DEL PERCORSO: un’ora e trenta minuti

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: compreso biglietto ingresso al Museo, servizio guida e noleggio radio per migliore ascolto: € ….

PRENOTAZIONI SCRIVENDO A:

visiteguidate@associazionemarginalia.org oppure scrivendo un Whatsapp al 3664475991– se vuoi puoi scriverci su Facebook o su Instagram

Facebook: https://www.facebook.com/associazioneculturalemarginalia/

Instagram: https://www.instagram.com/marginalia_ass.culturale/

Vi Aspettiamo!

visiteguidate@associazionemarginalia.org 

Visita anche il nostro sito per tutte le altre proposte:

https://www.associazionemarginalia.org/

Eleonora de Toledo

Ieratica come una dea, la Duchessa, nel dipinto che le farà il grande ritrattista di corte, “Bronzino” è raffigurata nello splendore dei suoi vent’anni, col suo bel volto di porcellana esaltato da raffinatissimi gioielli fra i quali spicca una magnifica collana di perle che fa da pendant con gli orecchini, mentre i capelli di colore castano sono raccolti dentro una reticella, secondo la moda spagnola del tempo.

Indossa un sontuoso abito di broccato col disegno di turgide melagrane dorate, simbolo d’energia vitale, abbondanza e fertilità.

Fedele al motto latino voluto per lei dal marito, “Cum pudore laeta fecunditas” (“Gioiosa è la fecondità, se abbinata alla modestia”), la Signora in questione mise infatti al mondo una nidiata di undici figli, dei quali nello stesso dipinto ci presenta orgogliosa il quartogenito, il futuro Cardinal Giovanni, così chiamato in onore del primo Papa di famiglia.

In un’opera dal forte significato dinastico,

Agnolo Bronzino nel 1545 così raffigurò Eleonora da Toledo, moglie del Duca di Firenze Cosimo I, che lui stesso aveva ritratto un paio d’anni prima con indosso la sua armatura più bella e fiammante.

Per rinsaldare i già stretti vincoli familiari e politici che lo legavano all’imperatore Carlo V, Cosimo aveva cercato moglie in campo spagnolo individuandola proprio nella diciassettenne napoletana Eleonora, nata in Spagna nel 1522 e secondogenita del Viceré di Napoli don Pedro Alvarez da Toledo, raffinatissimo “hidalgo” ( titolo riservato a nobili di altissimo rango) che in Italia rappresentava il più fedele funzionario su cui l’Asburgo potesse contare.

Impaziente di raggiungere il coniuge col quale s’era unita in matrimonio per procura a Napoli il 29 marzo del 1539 e del quale aveva sentito a più riprese tessere le lodi per la sua virile bellezza e i modi da gentiluomo, Eleonora, accompagnata da una schiera di dame di compagnia e cavalieri spagnoli, oltre che da un bagaglio principesco, sbarcò nel porto di Livorno il 22 giugno seguente, dopo un viaggio per mare durato dieci giorni.

L’indomani, quando s’incontrarono per la prima volta, fra i due giovani sposi scoccò la scintilla dell’amore a prima vista.

LABORATORI DI RESTAURO DELL’OPIFICIO alla Fortezza da Basso, Visita guidata organizzata dall’Associazione Culturale Marginalia

Apertura straordinaria per il solo nostro gruppo

SABATO 25 FEBBRAIO ORE 11,30

RITROVO ore 11,20 davanti all’ingresso della Fortezza da Viale Strozzi

Vedi foto:

PER ARRIVARE: si può lasciare la macchina al parcheggio dietro le mura, oppure x chi viene in treno può comodamente venie a Piedi dalla stazione sono 15 minuti andando piano, oppure per chi vuole, sempre dalla stazione di S.Maria Novella può prendere la Tranvia che va verso l’Aeroporto scende quasi davanti. Biglietto un euro e cinquanta ci sono le macchinette davanti ad ogni fermata.

LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE E’ DI EURO 26,00 A PERSONA, 29,00 per i non soci

La quota di partecipazione comprende:

apertura straordinaria per il solo nostro gruppo del laboratorio di restauro alla Fortezza Da basso, servizio guida, radio con auricolari per miglior ascolto

POCHISSIMI POSTI DISPONIBILI

PERCORSO FACILE adatto a tutti

DURATA DEL PERCORSO: un’ora e trenta

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE SCRIVENDO AI NOSTRI CONTATTI:

Whatsapp 3664475991 -visite guidate@associazionemarginalia.org

Un’occasione unica per visitare uno dei laboratori più belli, facenti parte l’Opificio di Pietre dure, ma che si occupa di restauri lignei, cioè i grandi dipinti u tavole di legno, le pale d’altare, e tanto altro.

Emozionanti sono gli ambienti della fortezza che solo in questa occasione si potranno visitare

Un’Occasione da non perdere VI ASPETTIAMO, magari più tardi, per chi vuole potremo pranzare tutti insieme in un posto caratteristico della città.

VISITA IL NOSTRO SITO PER CONOSCERE TUTTE LE NOSTRE ATTIVITA’: https://www.associazionemarginalia.org/

Un po’ di storia dei laboratori di Restauro

L’antico Opificio fu fondato da Ferdinando I de’ Medici, come manifattura artistica specializzata nella lavorazione delle pietre dure, e operava nella “Galleria dei lavori” ubicata agli Uffizi. La manifattura continuò la sua attività anche sotto la dinastia lorenese, impegnandosi fino alla fine del XIX secolo nella decorazione della Cappella dei Principi in San Lorenzo e anche nella creazione di prestigiosi oggetti artistici in pietre dure destinati ad arredare le dimore granducali o essere donati ai Grandi di tutta Europa. Con la nascita del Regno d’Italia e la fine del Granducato di Toscana, venne a mancare il principale committente dell’Opificio, che rischiò così la chiusura. Grazie all’allora direttore, Edoardo Marchionni, l’Istituto allargò l’attività anche al settore del restauro.

Il moderno Opificio svolge la sua attività in tre settori principali: la conservazione propriamente detta, tramite gli undici Settori specialistici di restauro; la ricerca, sia pura sia soprattutto applicata ai casi in corso di restauro, organizzata intorno al Laboratorio scientifico; la didattica tramite la Scuola di Alta Formazione e di Studio, una delle tre Scuole di restauro ufficiali dello Stato. 

La sua attività si svolge oltre che nelle tre sedi (sede storica via degli Alfani, sede della Fortezza da Basso, sede alla sala detta “delle bandiere” in Palazzo Vecchio), anche all’esterno, sia in forma di cantieri operativi sia di consulenze tecnico-scientifiche, applicandosi, su richiesta, a tutti i beni di interesse storico-artistico sottoposti alla tutela pubblica.

UFFIZI visite guidate con Marginalia, tutti i giorni dal Martedi alla Domenica.

FINO AL 28 FEBBRAIO IL BIGLIETTO INGRESSO SARA’ DI € 12,00 A PERSONA (per bassa stagione) FATTE SALVE LE GRATUITA’ ED I RIDOTTI.

DAL 1 MARZO 2023 IL BIGLIETTO INGRESSO COSTERA’ € 25,00 A PERSONA.

MATTINA DALLE ORE 11:00

POMERIGGIO DALLE ORE 16:00

Proponiamo un viaggio tra le opere più significative del Museo soffermandoci sulle più belle natività, adorazioni dei pastori, adorazioni dei Magi qui presenti.

PROPOSTA PERCORSI:

PERCORSO N 1 – DA GIOTTO A MICHELANGELO

PERCORSO N 2 – PONTORMO A CARAVAGGIO

Vi aspettiamo per condividere insieme il primo viaggio dell’anno Nel Museo più bello del mondo, nell’atmosfera che precede l’Epifania. Ci soffermeremo su alcune delle più belle opere che inneggiano l’episodio dell’adorazione dei Magi. Opere uniche e affascinanti che da secoli raccontano l’arrivo di questi personaggi al cospetto del bambino Gesu’.

COSTI:

Biglietto ingresso per gli UFFIZI € 12,00 a persona, il biglietto è ridotto per la tariffa di bassa stagione FINO AL 28 FEBBRAIO 2023

PRENOTAZIONE obbligatoria PER IL SABATO E LA DOMENICA richiesta dalle Gallerie degli UFFIZI € 4,00 a persona, la pagano anche i bambini

Biglietti per giovani fino a 18 anni – Gratuito

dai 18 anni compiuti fino ai 25- Biglietto ingresso (due) 2,00 euro

Per altre Gratuità consultare il sito: https://www.uffizi.it/pagine/biglietto-gratuito-ridotto-ingresso gratuito

SERVIZIO GUIDA PER GRUPPI DI 9 PERSONE € 15:00 A PERSONA, PIU’ UN EURO PER NOLEGGIO RADIO CON AURICOLARI

GRUPPI MASSIMO DI 9 PERSONE

MINIMO 2 PERSONE – PREZZI SERVIZIO GUIDA A PREVENTIVO chiamando il 3664475991

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE ALMENO 3 GIORNI PRIMA

SCRIVENDO A: visiteguidate@associazionemarginalia – Whatsapp 3664475991 oppure chiamando sempre al numero 3664475991

Vi aspettiamo!

Visita il nostro sito per tutte le nostre attività

https://www.associazionemarginalia.org/

Orgoglio italiano, gli Uffizi sono stati nominati miglior museo al mondo (prima di Louvre e Moma)

Di Elena Fausta Gadeschi Pubblicato sulla rivista Elle

Da quando nel novembre 2015 Eike Schmidt ha preso in mano le sorti degli Uffizi trasformandoli nell’istituzione internazionale che adesso rappresentano, questo museo ha scalato preferenze e classifiche non solo di turisti e appassionati, ma anche di riviste culturali specializzate e non solo. Tra queste, l’ultimo verdetto è arrivato proprio dalla testata inglese Timeout, che ha collocato la Galleria degli Uffizi al primo posto tra i “migliori musei al mondo”. La motivazione? Secondo la giornalista Sophie Dickinson “ci sono così tante opere classiche abbaglianti agli Uffizi che alcuni visitatori sono stati portati in ospedale a causa della sensazione travolgente che provocano (Firenze è la culla della sindrome di Stendhal, dopotutto). Non importa se hai già visto mille volte la Nascita di Venere di Botticelli, niente ti prepara all’impatto con il capolavoro reale. E ci sono molti altri spettacolari dipinti rinascimentali da ammirare, come la Medusa di Caravaggio e Giuditta che uccide Oloferne di Artemisia Gentileschi”.

A far guadagnare agli Uffizi la palma d’oro di miglior museo al mondo, davanti persino al Louvre e al Moma di New York

– rispettivamente al secondo e terzo posto –, sarebbero insomma innegabili e intrinseci meriti della collezione, oltre che della stessa città che la ospita, l’incantevole Firenze. Eppure fino a pochi anni fa l’impressione che si aveva delle Gallerie era di un’istituzione polverosa, carica di tesori, ma incapace di valorizzarli e del tutto disinteressata ad attrarre l’attenzione di un pubblico giovane e variegato. Cosa è cambiato? Prima di tutto la percezione che degli Uffizi oggi hanno i ragazzi. Se lo scorso anno un terzo dei visitatori sono stati under 25, questo si deve al potente rilancio voluto dal direttore, che senza indugi ha aperto le porte delle sale a influencer e imprenditori celebri come Chiara Ferragni, la tiktoker Martina Socrate e persino Elon Musk. Poi, senza farsi trattenere dalla paura di contaminare i linguaggi, Schmidt ha lasciato che fossero le opere a parlare da sé e a esprimere la loro modernità, operando un riallestimento di ben 64 sale, approdate da qualche anno anche su Instagram, dove oggi il profilo ufficiale del museo conta ben 664mila follower.

La Cappella Palatina a Palazzo Pitti, riaperta dopo quasi trent’anni un gioiello assolutamente da visitare, abbinato al nuovo museo delle antiche Icone Russe

VISITA GUIDATA ORGANIZZATA DA MARGINALIA Associazione Culturale

NUOVA DATA DA STABILIRE

Ritrovo davanti alla Biglietteria del Museo di Palazzo Pitti ore 11:00

La biglietteria si trova ( guardando la facciata del Palazzo) a destra

Durata del Percorso un’ora e venti minuti

Biglietto ingresso € 10,00 a persona ( biglietto di bassa stagione fino al 28 febbraio 2023)

Noleggio radio con auricolari ( obbligatori) € 1,00 a persona

(Per chi avesse gli auricolari del telefono con spinotto tondo consigliamo di portare i propri)

Servizio guida € 15,00 a persona per gruppi fino a 6 persone dalle 6 persone in su € 10,00 a persona.

Vi aspettiamo per condividere insieme in questi luoghi inediti, un pomeriggio invernale fra storia cultura e bellezza. Un percorso da non perdere che ci arricchirà di nuove informazioni storiche e artistiche.

PRENOTAZIONI SCRIVENDO O CHIAMANDO:

Whatsapp 366 4475991

visiteguidate@associazionemarginalia.org

ALCUNE INFORMAZIONI

Riapertura della Cappella Palatina a Palazzo Pitti DOPO QUASI TRENT’ANNI e APERTURA DEL Nuovo Museo delle Icone Russe

Sono 78 gli esemplari di Icone Russe della prima metà del 700 alcuni addirittura del periodo mediceo fra fine ‘500 e ‘600 allestite nel nuovo museo al piano terra di Palazzo Pitti.

E’ la collezione più antica e più grande di icone russe fuori dalla Russia.

Una collezione allestita acconto alla CAPPELLA PALATINA che per l’occasione è stata restaurata e illuminata, un percorso straordinario nella pittura russa del passato. Una mostra che ci darà anche la possibilità di ammirare spazi recuperati che per molti anno sono stati dedicati ad uffici, adesso restituiti alla funzione museale con affreschi degli anni 60 del ‘600 e degli anni 90 del ‘700.

La bellissima Cappella Palatina e i grandi capolavori dell’arte liturgica occidentale sono qui posti a dialogare con le opere liturgiche della pittura ortodossa.

La mostra, prevede inoltre molte icone di piccolo formato provenienti dalla devozione privata di famiglie russe, una collezione quindi assolutamente unica imperdibile e da visitare.

Museo Aboca, fra erbe, spezie e le opere di Piero della Francesca a Sansepolcro.

NUOVA DATA DA STABILIRE

PRECEDENTE VISITA DOMENICA 5 FEBBRAIO

Viaggio in Pullman A/R con Marginalia

Una giornata per conoscere attraverso una visita guidata per il solo nostro gruppo, un museo affascinante, il Museo Aboca. Faremo anche una visita guidata al Museo Civico di Sansepolcro per ammirare i dipinti di Piero della Francesca.

PARTENZA DA FIRENZE – PRATO – PISTOIA

VISITA GUIDATA AL MUSEO ABOCA ORE 11:30 -13

ORE 13:10 PRANZO LIBERO

ORE 15:00 VISITA GUIDATA AL MUSEO CIVICO

PARTENZA PER FIRENZE PRATO PISTOIA ALLE ORE 16:40

RIENTRO PREVISTO PER LE ORE 19:00

QUOTA DI PARTECIPAZIONE € 54,00 a persona

La quota comprende:

Viaggio in Pullman A/R, biglietto ingresso al Museo Aboca e visita guidata- biglietto ingresso e visita guidata al Museo Civico per ammirare le opere di Piero Della Francesca, radio con auricolari per migliore ascolto.

Consigliato a tutti percorso semplice e facile

La gita sarà eseguita al raggiungimento minimo di 24 persone

PRENOTAZIONI E ULTERIORI INFORMAZIONI

SCRIVENDO UN WHATSAPP AL 366 4475991 

OPPURE SCRIVERE UNA MAIL A: visiteguidate@associazionemarginalia.org 

VISITA IL NOSTRO SITO PER TUTTE LE ATTIVITA’ CHE PROPONIAMO

https://www.associazionemarginalia.org/

Un Po’ di storia

Nel XVI secolo, Giuliano da Sangallo, incaricato dal “Magnifico” Lorenzo, dotò la città di Sansepolcro di nuove mura e fortificazioni, quando il Borgo venne ceduto dai papalini alla Repubblica di Firenze dopo la Battaglia di Anghiari (1440).

Da questo momento prese il via la costruzione dei più bei palazzi che sono l’ornamento della città, tra cui Palazzo Bourbon del Monte.

Rinascimentale, costruito alla fine del 1600, fu dimora dei conti Bourbon del Monte per un intero secolo. Caratterizzato dalla facciata seicentesca e addossato alla chiesa di San Rocco, il palazzo è il risultato di più accorpamenti realizzati su probabili costruzioni medievali, di cui si conservano tracce negli scantinati e nella Torre del Catolino.

Nel ‘600, all’interno del laboratorio dello speziale, si immaginano i protagonisti di questo luogo prendere vita: i raccoglitori di erbe, il pestatore, lo speziale, il medico, gli ammalati e l’addetto all’estrazione della quinta essenza.

L’arredamento è caratterizzato da strumenti ad hoc quali alambicchi, distillatori e forni, oltre alle erbe raccolte in loco e alle spezie di importazione.

In una nicchia nascosta si possono notare le res pretiosae, cioè i prodotti più costosi e di difficile reperibilità.

In alto, sopra il forno statico, un coccodrillo imbalsamato rappresenta la fertilità vegetale, simbolo di buon auspicio per il lavoro dello speziale e emblema di viaggi compiuti in terre lontane per reperire gli ingredienti più preziosi.

Le stanze da visitare sono tante

tutte affascinanti per storia e documenti e reperti storici da ammirare e che ci saranno raccontati

In caso di impossibilità di partecipazione a dieci giorni dalla visita, per nessun motivo la quota potrà essere restituita poichè a quel punto tutti i biglietti ingresso ai musei, tutte le quote di prenotazione, le guide dei musei, il servizio pullman e tutto quanto accessorio alla visita sarà già stato pagato e non restituibile.

Il partecipante potrà rilasciare la propria quota ad altro partecipante di cui vorrà comunicarci il nome e cognome. L’Associazione Culturale Marginalia declina ogni responsabilità a riguardo, pur cercando di farsi portavoce presso i soci dei posti liberi che si fossero creati per cercare sostituzioni. Se ciò non accadesse non potremo restituire niente della quota versata.

DONNE IN EQUILIBRIO, visita guidata alla mostra nel Museo Salvatore Ferragamo con Marginalia.

NUOVA DATA DA STABILIRE

VISITA ESEGUITA DOMENICA 22 GENNAIO 2023 ORE 16,30

L’Associazione Culturale Marginalia, propone per tutti i soci e gli amici una visita guidata alla Mostra.

Un’immersione sul tema dell’identità femminile attraverso le ricerche di undici artiste contemporanee e internazionali, accomunate dal fatto di condividere, attraverso il proprio lessico individuale, una riflessione sull’interdipendenza fra linguaggio e identità.

Ma anche la storia di un brand e soprattutto di una donna, Wanda Miletti Ferragamo, capace e intraprendente che alla morte dl marito Salvatore Ferragamo, sceglierà di portare avanti l’azienda facendola diventare una delle aziende più importanti nel panorama della moda internazionale.

RITROVO: ore 16:30 davanti al Museo di Salvatore Ferragamo

Quota di Partecipazione per i possessori della carta soci UniCoop Firenze di € 15,00

Per i NON soci UniCoop Firenze euro 19,00

La quota comprende il biglietto ingresso, il noleggio radio per migliore ascolto, il servizio guida

Durata del percorso un’ora e trenta minuti.

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE

scrivendo un Whatsapp o una mail a:

366 4475991 – visiteguidate@associazionemarginalia

Consulta il nostro sito per tutte le future attività con Marginalia

https://www.associazionemarginalia.org/

DONNE IN EQUILIBRIO OGGI

“La testimonianza di sé che molte donne di oggi hanno voluto dare nel film che accompagna la mostra svela la lucida consapevolezza che ognuna ha di sé stessa”.

Davide Rampello

Wanda Miletti Ferragamo

Il percorso espositivo, attraverso oggetti, abiti, opere d’arte. Filmati, fotografie, intende così tratteggiare le attività e le scelte di donne di età diversa. Anche in ambiti lavorativi fino ad allora riservati quasi esclusivamente agli uomini. Donne delle professioni, dell’arte, della cultura, della politica e del lavoro. Che attraverso le loro esperienze personali illuminano la più lunga rivoluzione dell’età contemporanea, quella che ha segnato la fine della separazione dei ruoli sessuali.

la mostra a Palazzo Spini Feroni

si completa con un altro progetto espositivo, solo digitale, realizzato in collaborazione con il corso Arts Curating di Istituto Marangoni Firenze nel quale sono state raccolte e commentate opere e testimonianze di undici artiste internazionali, in una riflessione corale sul tema delle identità, soggetto centrale della nostra condizione contemporanea.