Visita guidata al Giardino delle rose di Firenze a P.le Michelangelo

proposta dall’Associazione Culturale Marginalia 

Per Domenica 27 Maggio ore 17

 

Parleremo delle opere di Folon presenti nel giardino, quindi  delle varie rose coltivate su questo magnifico terrazzo.

il percorso sarà condotto da due relatori, una nostra guida per la parte del giardino con le statue di Folon

e per il percorso ai vari tipi di rose sarà guidato da Massimo Alfaioli esperto rodologo per tutte le varietà di questo bellissimo fiore.

 

Tutti i partecipanti saranno forniti di auricolari per migliore ascolto.

Quota di partecipazione € 12,00 a persona

Percorso adatto a grandi e piccini, ragazzi fino a 12 anni gratuito

Punto di incontro qui come segnalato in foto:

Prenotazioni e ulteriori informazioni  alle seguenti mail:

visiteguidate@associazionemarginalia.org

iniziative@associazionemarginalia.org

info@associazionemarginalia.org

  

  

   

Il Giardino delle Rose si trova sotto il Piazzale Michelangelo

una delle entrate è sulla scalinata di via Monte alle Croci o da Viale Giuseppe Poggi, 2 Firenze

Si apre la permanente del maestro belga: dieci sculture in bronzo e due gessi sono stati regalati alla città di Firenze

Leggi anche

In uno dei parchi più belli di Firenze, il Giardino delle Rose sotto al piazzale Michelangelo, prendono posto, da oggi, dieci sculture in bronzo e due gessi del maestro belga Folon.

Dopo la sua prematura scomparsa, nell’ottobre del 2005, la volontà di Folon è stata fatta propria dalla vedova, Paola Ghiringhelli, che ha deciso di donare al Comune di Firenze le opere del marito.

Nella poesia dello storico roseto, dove si accolgono più di 300 piante in varietà botaniche, antiche e moderne, le opere di Folon rimarranno esposte in una mostra permanente che consentirà anche l’apertura invernale del giardino.

Si potrà così guardare attraverso la grande valigia, Partir, il panorama unico di Santa Maria del Fiore e Palazzo Vecchio; ci si riposerà accanto al “personnage” di Folon sulla panchina fuori dal tempo di Je me souviens; si accarezzerà Chat, il gattone addormentato sull’erba tra i cespugli di rose; ci si rinfrescherà alle fontane Vivre e Mediterranée o in un angolo ombroso vicino a 25ème Pensée,  enigmatica figura foloniana con il capo perso tra la vegetazione; e infine, insieme a L’Envol, si potrà ancora una volta spiccare il volo sulla città e rimirarla dall’alto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *