Chiesa di Santa Croce, visita guidata a cura dell’Associazione Culturale Marginalia

La nostra visita alla Chiesa di Santa Croce, offrirà una prospettiva nuova per conoscere e riscoprire la chiesa di Santa Croce.

 

RITROVO davanti alla statua di Dante ore 15,45

Ingresso ore 16

durata della visita un’ora e trenta

Quota di partecipazione € 19,00

compresiva di:

biglietto d’ingresso

prenotazione obbligatoria

servizio guida

auricolari per migliore ascolto

Il biglietto di ingresso gratuito è riservato a:

ragazzi dagli 11 ai 17 anni, diversamente abili e loro accompagnatori 

per il gruppo è già contemplato il biglietto ridotto

Ulteriori informazioni e iscrizioni potrete scrivere a:

visiteguidate@associazionemarginalia.org iniziative@associazionemarginalia.org

tel 366 4475991329 3075760

 

 

 

Cenni storici

Costruita a partire dal 1294 secondo il progetto di Arnolfo di Cambio Santa Croce in realtà è stata consacrata nel 1443 alla presenza di Eugenio IV. La chiesa  si è via via arricchita con le donazioni delle ricche famiglie fiorentine alle quali poi veniva concessa la sepoltura all’interno delle cappelle.

All’interno troviamo sepolture di artisti di altissimo livello e di ogni ramo del sapere. Solo per citare qualche nome possiamo ricordare Machiavelli, Alfieri(tomba di Canova, 1810), Michelangelo (tomba del Vasari, 1570), il sepolcro di Galileo Galilei (tomba di Vincenzo Viviani, 1737).
La facciata è di marmo colorato di carrara ed è stata disegnata da Cronaca (1857-63), mentre il campanile della chiesa è di Baccani (1965).

La chiesa è formata da 3 navate,

le pareti e le vetrate sono ornate con affreschi raffiguranti le “Storie di San Francesco” opera di Giotto e dei suoi allievi. Anche Donatello volle lasciare all’interno della chiesa una testimonianza del suo passaggio scolpendo il bellissimo crocifisso (1425) e l’annunciazione (1430-1435). Accanto alla sacrestia si trova la cappella del noviziato costruita da Michelozzo (1434-1445) e decorata da Andrea della Robbia; nel chiostro dei morti si trova la cappella dei pazzi progettata dal Brunelleschi. Al Brunelleschi è da attribuirsi anche il progetto del Chiostro Grande poi costruito da Bernardo Rossellino. Sono inoltre presenti monumenti funebri di Bernardo Rossellino  e di Desiderio da Settignano.

Cappella dei Pazzi. Accanto alla chiesa di Santa Croce é un bel chiostro trecentesco, dai loggiati in puro stile toscano, in fondo al quale si palesa un altro splendido capolavoro del Brunelleschi, la Cappella dei Pazzi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *