Visita guidata al Museo Marino Marini e la Cappella Rucellai

 

Il Museo Marino Marini di Firenze si trova in piazza San Pancrazio, nell’ex-chiesa di San Pancrazio.

 

Quota di partecipazione € 18,00

la quota comprende:

il biglietto d’ingresso

diritti di prenotazione per la Cappella Rucellai

servizio guida

diritti di segreteria

auricolari

 

Prenotazioni e ulteriori informazioni  alle seguenti mail:

visiteguidate@associazionemarginalia.org

iniziative@associazionemarginalia.org

info@associazionemarginalia.org

La figura di Marino Marini risulta una delle più interessanti all’interno del panorama culturale ed artistico italiano di questo secolo.negli anni ’30-’40 marino conduce una ricerca rivolta all’elaborazione di una forma“pura”, mediante il recupero e la rielaborazione in chiave moderna della tradizione etrusca e medioevale. la sorella egle, poetessa scrive di lui: “marino nasce mediterraneo nella conca tirrena, terra di antica vena in cui egli affonda le sue radici fisiche e morali e ove insistono l’amore per il campo, l’ombra serena di Giotto, la scarnità umana di masaccio e quella dell’agitato modernissimo pisano”. Il tema del cavaliere che si configura in questi anni, sarà una costante della sua opera, quasi un segnale simbolico della sua personale visione del mondo. come lo stesso marino amava dire,“c’è tutta la storia dell’umanità e della struttura nella figura del cavaliere e del cavallo; in ogni epoca di essa. all’inizio vi è un’armonia fra essi, ma alla fine, specie dopo l’ultima guerra irrompe violento fra di essi il mondo della macchina, che frattura questa simbiosi in maniera drammatica ma non meno viva e vitalizzante”.

Il  Museo Marino Marini e la Cappella Rucellai saranno guidati da uno storico dell’arte per farci vivere un’esperienza bellissima;

non solo per la descrizione delle opere di questo grande artista, ma anche per la descrizione del luogo,

la vecchia chiesa di San Pancrazio oggi sconsacrata ma ancora piena di storia e location del museo Marino Marini

quindi della restaurata Cappella Rucellai, un vero gioiello che riapre finalmente al pubblico, scrigno trecentesco che custodisce uno dei capolavori di Leon Battista Alberti: il Tempietto del Santo Sepolcro.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *