MUSEO DEL BARGELLO ( apertura straordinaria di pomeriggio)

SABATO 4 GENNAIO 2020 ORE 16,10

l’Associazione Marginalia, vi propone un viaggio nella storia visitando uno dei musei più importanti di Firenze.

Il percorso prevede una visita di un’ora e venti minuti
tutti i partecipanti saranno muniti di auricolari per migliore ascolto

Contributo per il percorso € 18,00 a persona
Compresi 8 euro di biglietto ingresso
Compresi 2 euro noleggio trasmettitori con auricolari
Compreso servizio guida

Le riduzioni e le gratuità per biglietto ingresso sono di seguito riportate e per ognuna, chi ne potesse usufruire deve toglierla dalla quota intera di partecipazione:

INGRESSO MUSEO Biglietto Intero € 8,00

Biglietto INGRESSO MUSEO ridotto: € 2,00 (cittadini italiani e UE con età compresa tra i 18 e i 25 anni)

Il Biglietto gratuito è riservato a: cittadini italiani e UE con meno di 18 anni o più di 65; docenti e studenti delle facoltà di architettura, conservazione dei beni culturali, scienze della formazione e dei corsi di laurea in lettere o materie letterarie con indirizzo archeologico o storico-artistico delle facoltà di lettere e filosofia; guide e interpreti turistici; cittadina italiani e UE diversamente abili e loro accompagnatori; personale del Ministero per i Beni e le Attività culturali; possessori della Firenze Card.

Per le riduzioni e l’ingresso gratuito è necessario portare con sé un documento valido.

Percorso semplice adatto a tutti

Prenotazioni obbligatorie scrivendo a:
vsiteguidate@associazionemarginalia.org
3664475991

Il Museo conserva straordinarie sculture. La storia del palazzo è da considerarsi la più antica tra gli edifici pubblici fiorentini; l’istituzione del Museo Nazionale del Bargello avvenne nel 1865, in occasione delle feste dantesche ed è il risultato di una lunga e controversa trasformazione.

Il Bargello è situato nell’omonimo palazzo del Bargello in un imponente edificio costruito intorno alla metà del XIII Secolo, secondo il Vasari, su disegno di un certo Lapo, padre di Arnolfo di Cambio, per ospitare il Capitano del Popolo; successivamente sede del podestà e del Consiglio di Giustizia. Fin dall’inizio, la storia del costituendo museo s’intreccia col restauro del neo-medioevale Palazzo Pretorio e trova la sua esemplificazione sui modelli francesi e inglesi di Cluny, del Soane’s Museum e di Kensington, stimolata e indirizzata dalle numerose presenze straniere a Firenze. Il Bargello, nella storia della museografia e del collezionismo ottocenteschi ha svolto una funzione, che possiamo definire primaria e a livello europeo.

Nel 1502 il palazzo diventò sede del Consiglio di Giustizia e della polizia, il cui capo era detto, appunto, ‘il Bargello’.

la storia non finisce qui, partecipa con noi alla visita per scoprire tutta la storia del palazzo e delle opere in esso conservate.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *