Il Cardo massimo, l’antica via sacra fiorentina, passeggiata con Marginalia

Si può raccontare una città anche percorrendo una sola strada, una sola direttrice urbana. San Lorenzo e Santa Felicita sono i due estremi di una linea retta che percorre da nord a sud il centro monumentale di Firenze.Superato il più antico nucleo cristiano della città (via Ginori, Piazza San Lorenzo), percorriamo quello che fu il Cardo Maximus della città romana. Da San Giovanni (il Battistero) verso Calimala (la strada dei gloriosi mercanti della lana) attraverso l’antico foro (poi Mercato Vecchio e quindi Piazza della Repubblica).E quindi il Ponte Vecchio, da Por Santa Maria fino al borgo medioevale di Oltrarno, che oggi è la via dei Guicciardini diretta verso i fasti medicei e lorenesi di Palazzo Pitti.Ci fermiamo in Santa Felicità, polo cristiano opposto a San Lorenzo lungo la linea nord/sud che idealmente unisce Firenze alla gloria dell’antica Roma. 

Marco Villani

Vi aspettiamo

NUOVA DATA DA STABILIRE

Ritrovo: in Pizza San Lorenzo ( davanti alla statua di Giovanni dalle Bande nere)

Tutti i partecipanti saranno muniti di radio con auricolari per migliore ascolto

Tutti coloro che avessero gli auricolari del proprio telefono con spinotto tondo possono portarlo

Quota di partecipazione € 11,00 a persona

PRENOTAZIONI OBBLIGATORIE SCRIVENDO A:

WHATSAPP 366 4475991

visiteguidate@associazionemarginalia.org

La sua sacralità della via ( il Cardo massimo) derivava dalle cerimonie sacre.

Cerimonie detti atti augurali. Dalle processioni religiose e dai cortei trionfali. Da Roma andavano verso il Campidoglio. Secondo la leggenda, la Via divenne Sacra poiché qui Romolo e Tito Tazio si riconciliarono. Insieme fecero sacrifici agli Dei. Per altri conduceva dal Rex sacrorum alla Regia, passando per diversi santuari. La strada congiungeva idealmente il colle del Campidoglio con il Monte Alban. Luogo sacro per le popolazioni latine.

In epoca imperiale perse la funzione di zona residenziale e ai suoi lati si insediarono esercizi commerciali, che lasciarono spazio a partire dal I secolo ad edifici monumentali.

Se verrete con noi vi racconteremo della via sacra a Firenze e le sue curiosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *